Recupero Password
Sicurezza in mare e difesa dell'ambiente: incontri con i diportisti promossi dalla Capitaneria di Porto di Molfetta
12 agosto 2018

MOLFETTA – Questa settimana segna, sicuramente, il periodo più intenso per la frequentazione del mare e delle coste. Non a caso la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Molfetta ha promosso una giornata di incontri con i diportisti dei Comuni ricadenti nel suo compartimento per parlare di sicurezza in mare e di difesa dell'ambiente.

Nella giornata di ieri, 11 agosto, infatti, si sono svolti due incontri. Il primo nella sede della Lega Navale di Molfetta, presso il molo Pennello. Il secondo nella sede del Centro Velico di Giovinazzo, presso la cala porto della città.

Entrambi i circoli nautici hanno aderito con interesse all'iniziativa offrendo una fattiva collaborazione, attraverso il coinvolgimento dei rispettivi associati, che hanno portato anche utili contributi personali alla discussione.

Agli incontri hanno preso parte il Comandante ed il Comandante in Il della Capitaneria di porto di Molfetta, gli equipaggi dei mezzi nautici ed il personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Giovinazzo.

Riflettori puntati sulle norme che regolano la buona condotta delle unità da diporto in prossimità della costa, che prevedono, durante la stagione balneare di mantenere una distanza minima di 200 metri dalle spiagge e scogliere basse, e di 100 metri dalle scogliere a picco, mentre il limite di velocità è fissato a 10 nodi entro i 1000 metri dalla costa; è stato sottolineato come sia fondamentale adottare una cultura dell'autocontrollo, fondata sulla responsabilità e consapevolezza di ciascuno, e sull'attitudine personale a seguire comportamenti orientati sempre alla massima prudenza ed al rispetto delle regole.

Confermato anche quest'anno il "bollino blu", ossia un bollino adesivo che i diportisti virtuosi ottengono all’esito positivo di controlli da parte degli organi preposti per verificare la regolarità dei documenti di bordo e delle dotazioni di sicurezza. I diportisti devono poi apporre ben in vista sullo scafo dell'unità quale attestazione dell'avvenuto controllo. Tale iniziativa consente di evitare la duplicazione di tali controlli durante la stagione estiva.

Grande attenzione è stata posta anche alla tutela dell'ambiente marino e costiero, soprattutto in riferimento all'attualissima problematica legata all'abbandono ed alla diffusione in mare dei rifiuti di plastica, così dannosi per tutto l'ecosistema, con effetti negativi anche sulle attività umane che vi si praticano, dalla pesca al turismo, all'acquacoltura. Non è mancato l'invito ad approfondire il tema sul sito istituzionale del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ("lo sono ambiente").

Successivamente, è stata posta l'attenzione sui tre aspetti che devono connotare la sicurezza in mare: l'equipaggio, la barca e le condizioni del mare.

L'equipaggio è un fattore importantissimo, in quanto un equipaggio preparato ed esperto può sopperire ad eventuali deficienze dell'imbarcazione ed affrontare difficili condizioni di mare e di vento. È chiaro che occorre sempre senso di responsabilità e consapevolezza dei propri limiti e di quelli della propria unità.

La barca, sia a motore che a vela, deve essere in condizioni idonee alla navigazione e con le dotazioni di sicurezza in regola. Quindi occorre abituarsi ad effettuare tutti i controlli necessari prima di uscire in mare (dotazioni, carburante, documentazione di bordo, ecc). A questo riguardo è stata illustrata la tipologia e l'utilizzo dei diversi segnali di soccorso obbligatori (razzi a paracadute, fuochi a mano, boette fumogene).

Buona prassi per il comandante dell'unità è quella di informarsi sulle condizioni meteo previste per far sì che una bella giornata in mare rimanga tale, ricordando sempre, in ogni caso, il numero blu 1530, da contattare in caso di emergenza in mare.

AI termine degli incontri, gli equipaggi dei mezzi nautici della Capitaneria di porto - Guardia Costiera ed il personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Giovinazzo hanno proceduto alle verifiche previste sulle unità da diporto, consegnando il bollino blu ai proprietari dei natanti che hanno superato il controllo.

@Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet