Recupero Password
Scuola: sopralluogo di Emiliano a Molfetta, “dalla Regione pronto supporto”. Il sindaco Minervini: importanti le relazioni fra i bambini
Il presidente Emiliano a Molfetta. Accanto a lui Lopalco, Minervini, Leo
25 settembre 2020

MOLFETTA - "Noi oggi cominciamo un giro di supporto nei confronti del mondo della scuola e anche di verifica di tutto quello che sta avvenendo. Abbiamo fatto una scelta, quella di incominciare il 24 e non il 7 settembre, e credo sia stata una scelta della Regione Puglia apprezzata da tutti, perché cominciare prima sarebbe stato difficile e anche rischioso". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine di una visita nell'Istituto comprensivo Manzoni-Poli di Molfetta nel primo giorno di scuola. Emiliano era accompagnato dall'epidemiologo Pieluigi Lopalco, futuro assessore regionale alla Sanità, e dall'assessore Sebastiano Leo.

E' il primo di una serie di sopralluoghi nelle scuole pugliesi per verificare il rispetto delle misure anti-Covid e prevedere tutti gli scenari osservando gli ambienti funzionanti. "Questo lavoro di supporto nei confronti della scuola - ha spiegato Emiliano - durerà tutto l'anno. Iniziamo oggi da Molfetta, è una scelta del tutto casuale, è il luogo dal quale mandiamo un saluto a tutti i nostri insegnanti, i nostri collaboratori scolastici, a tutte le persone che stanno lavorando oggi e naturalmente a tutti gli studenti e genitori".

"Questi piccoli con il grembiule riempiono il cuore, così come quelli più grandi - ha concluso - perché anche loro si stanno affacciando attraverso la scuola alla vita".

"Inizia un viaggio nelle scuole della Puglia per capire come possiamo aiutare la scuola pugliese a difendersi dal Covid. Frenare la scuola è come frenare il futuro del Paese. Ecco perché - ha detto Emiliano durante una diretta facebook dalla scuola di Molfetta - il Governo, tutti gli insegnanti e tutto il personale non vedevano l'ora che la scuola ritornasse, perché è un luogo di passione, di impegno, di determinazione e amore verso i nostri ragazzi".

"Le scuole - ha detto Emiliano - sono state a lungo sacrificate nella battaglia contro il Covid, sono state chiuse per moltissimi mesi, e questo ha certamente provocato molti problemi alle famiglie e alla didattica".

Sono centinaia le scuole che oggi hanno riaperto e migliaia gli studenti che hanno ripreso la frequenza. Non è detto che da subito tutto funzioni bene - ha concluso - dobbiamo registrare meglio trasporti e tante altre cose. Segnalateci le cose che possono essere gestite meglio e fate domande".

"Dal punto di vista sanitario abbiamo messo in campo tutta la preparazione di cui potevamo disporre. I pediatri di libera scelta sono pronti ad affrontare i casi che inevitabilmente ci saranno. Non dobbiamo spaventarci, dobbiamo affrontare questo periodo con serenità. Siamo pronti, le procedure sono tutte in atto". Lo ha detto l'epidemiologo Pieruigi Lopalco, ex capo della task force regionale pugliese sull'emergenza Covid e futuro assessore regionale alla Sanità, a margine del sopralluogo a Molfetta.

"Ogni istituto scolastico - ha assicurato Lopalco - ha un referente Covid che sa come comportarsi, e anche nelle Asl sono pronti. Il piano di sicurezza è avviato, bisognerà adattarlo. E' un cammino che stiamo facendo insieme imparando via via dagli errori e migliorandolo".

"Oggi è un giorno speciale per la nostra regione - ha aggiunto Lopalco - perché gli studenti tornano a scuola e abbiamo voluto verificare sul campo quali potessero essere i problemi. Abbiamo potuto verificare come insegnanti e bambini abbiano accolto questa nuova normalità".

"Dopotutto - ha concluso - la scuola serve anche a insegnare il rispetto delle regole e in qualche maniera la presenza di questo virus misterioso può essere per i bambini anche un incentivo in più per salire le scale ordinati, non urlare, non correre".

All’incontro di Molfetta ha partecipato anche il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini.

“È importante stare a scuola – ha detto Minervini ai ragazzi – perché la scuola insieme alla famiglia è il luogo dove si deve crescere culturalmente, con la mente, con le relazioni, con le emozioni, con le amicizie. La riapertura delle scuole a Molfetta, iniziata regolarmente, è un segnale di ripresa bello, regolare. Ragazzi, finalmente scuola! Qui ritrovate i vostri amici e starete meno tempo con telefonini e computer. State con gli altri, che è una cosa bellissima”.

“Dico agli insegnati – ha continuato il sindaco – che voi avete un compito importante, fondamentale nella crescita dei ragazzi. Ognuno di noi ha caratteristiche ereditate, ma la personalità è fatta soprattutto grazie alle relazioni. Ai docenti è dato il compito di trasmettere le conoscenze, ma soprattutto di far crescere la capacità delle relazioni tra i ragazzi e farli crescere nelle loro personalità”. 
Anche l’assessore alla Pubblica istruzione Angela Panunzio ha salutato il copro docenti e i bambini delle prime elementari delle scuole Rosaria Scardigno, Vincenzo Zagami e Cesare Battisti.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet