Recupero Password
Scatta il lockdown completo per le feste natalizie. Una riflessione personale su questo Natale unico e diverso per molte ragioni
24 dicembre 2020

Rosso.

Se questo colore era collegato fino all'anno scorso solo a quello del giorno o della tavola imbandita della nostra famiglia o parenti, oggi rappresenta anche il colore del contenimento da coronavirus, che ritorna dopo mesi in cui si è passati dal l'arancione al giallo con limitazioni e servizi intermittenti come le luci natalizie.

Tutta l'Italia è (zona) rossa. Tutta l'Italia non è in festa.

E le motivazioni sono molte: dal più semplice come quello del distanziamento fisico e sociale dai propri genitori se ci troviamo in un'altra regione, a quelli più terribili come la scomparsa prematura del proprio nonno, nonna, zio o zia, madre o padre; in questo anno che ha mostrato marcatamente la fragilità dell'uomo e del sistema sanitario pubblico.

Italia in rosso per la propria condizione di precarietà economica, tra disoccupazione e cassa integrazione che deve ancora arrivare da mesi.

Italia rossa di rabbia perché impaurita e privata della rassicurazione che il clima natalizio genera nel nostro immaginario: calore, famiglia, sorrisi, luci.

Italia in rosso, a secco di speranza, di ottimismo, di certezze.

In questo clima in cui siamo stati spogliati di tranquillità e imbottiti dallo xanax dello shopping natalizio per chi se l'è potuto permettere e per il quale il rischio di contagio è stato considerato meno probabile di un cinema, un teatro, una scuola aperta, siamo tenuti a trovare valori e sentimenti che gli altri anni ci veniva spontaneo cercare o trovare dentro noi stessi.

Non per gli altri. Non perché ce lo chiedono. Ma per noi stessi. Per stare bene in mezzo a tutto questo.

In questa Italia rossa, abbiamo bisogno di trovare ulteriore coraggio e amore per sconfiggere la paura e la disperazione.

Abbiamo bisogno di più unione e forza, per pretendere soluzioni dalla disgregazione sociale e le debolezze del sistema pubblico.

Abbiamo bisogno di continuare a credere nella solidarietà e negli uomini anche quando queste difficoltà ci hanno stuzzicato l'idea di essere più egoisti e disumani.

Abbiamo bisogno di predisporre al meglio il nostro animo nell'attesa della rinascita spirituale e umana.

Buona vigilia.

Da una città rossa.

Da qualcuno che ricorda di avere ancora rosso e vivo anche il proprio cuore.

Gabriele Vilardi
Fb: vilardi.gabriele
Instagram: gabriele_vilardi 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet