Recupero Password
Rifondazione: l'amministrazione Minervini e i rigurgiti antidemocratici a Molfetta
I consiglieri dell'opposizione di sinistra: Porta, Zaza, Natalicchio
28 settembre 2018

MOLFETTA – Sulla vicenda delle modifiche ai regolamenti comunali che ha visto nel consiglio comunale di ieri a Molfetta lo scontro fra i consiglieri di sinistra e l’amministrazione di Tommaso Minervini, intervengono Rifondazione e Compagni di strada.
«Ieri era in discussione nel consiglio comunale una proposta di delibera presentata dai consiglieri comunali di Rifondazione Comunista/Compagni di strada lo scorso aprile.
Abbiamo proposto di modificare alcuni regolamenti comunali per evitare di concedere spazi pubblici a organizzazioni che si richiamano all'ideologia fascista, incitano alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.
Una proposta già approvata in altre città (ad es. Bologna governata dal Partito democratico) che avrebbe impegnato chiunque richiedesse spazi e contributi pubblici, sale comunali e affissioni pubbliche a rispettare la Costituzione (XII Disposizione transitoria e finale) e le leggi Scelba e Mancino contro l'apologia e la ricostituzione del partito fascista sotto qualsiasi forma.
Ma non dobbiamo andare così lontano, martedì scorso il Partito democratico  era Bari in piazza Prefettura a manifestare contro le aggressioni neofasciste verificatesi pochi giorni fa. A Molfetta invece il Pd, insieme a tutta la maggioranza, ha respinto in modo vergognoso, senza nemmeno voler discutere del merito ma rifiutandosi di discutere proponendo una questione pregiudiziale.
Una maggioranza di trasformisti che ha provato a nascondere dietro un inopportuno parere tecnico del segretario generale la sua paura di discutere, la sua divisione interna, la prevalenza dell'anima criptofacista di una parte di essa.
Un ennesimo brutto episodio da parte dell'amministrazione dopo la mancata intitolazione del campo sportivo a Benedetto Petrone nel novembre scorso.
Un'ennesima dimostrazione di debolezza con l'impedimento a discutere liberamente in consiglio comunale.
Un'altra testimonianza di insignificanza culturale del sindaco che organizza convegni astratti sulla libertà e la democrazia e del Partito Democratico che si accuccia nei confronti della destra della maggioranza.
Una pagina vergognosa nella storia democratica e antifascista di Molfetta che continueremo a difendere fuori e dentro le istituzioni».

Su questo argomento, seguirà una nota di commento del direttore di "Quindici" Felice de Sanctis.

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet