Recupero Password
Ricordo di Biagio de Gennaro, lo scout che un mese fa ha lasciato Molfetta per volare in cielo
Biagio de Gennaro
07 febbraio 2020

 MOLFETTA – E’ passato un mese da quando Biagio ha lasciato la sua famiglia e i suoi amici di Molfetta per volare in cielo.

Biagio de Gennaro se ne è andato in un freddo giorno di inizio gennaio, dopo aver lottato contro il male che lo affliggeva, la rara malattia di Lafora, una grave forma di epilessia mioclonica progressiva (30 casi in Italia, 8 in Puglia, 3 a Molfetta). Biagio era uno scout, perciò ha trovato la forza di affrontare il male fino a quando ha potuto, da quel maledetto giorno del 2008 quando all’improvviso un attacco epilettico nel giorno del compleanno di suo padre Leo, annunciò l’arrivo del male.

Fu l’inizio di un percorso di dolore, ma anche di vita, che vide Biagio non arrendersi, continuare a studiare e i suoi genitori i parenti, ma soprattutto gli amici, non lo hanno mai lasciato solo.

Ora Biagio ha ripreso la sua strada, quella strada ritmata dalla canzone “Madonna degli scout (“il ritmo dei passi ci accompagnerà, là verso gli orizzonti lontani si va”) che i suoi amici hanno intonato per salutarlo, quando ha lasciato la chiesa, con una partecipazione popolare incredibile, tributandogli un affetto straordinario e meritato, perché lui ha sempre affrontato il dolore con il sorriso, con grande coraggio, lo stesso che ha avuto la sua meravigliosa famiglia (il padre Leo, la mamma Lilly Bellapianta e le sorelle Chiara e Martina, oltre alla nonna Maria).

Il suo coraggio aveva commosso anche Papa Francesco che lo ha salutato e benedetto durante la sua visita a Molfetta.

La famiglia proseguirà quel suo percorso di lotta alla malattia attraverso l’istituzione di una borsa di studio e una raccolta fondi per la ricerca contro il male di Lafora, trasformando così il dolore in speranza di salvare la vita ad altre persone (questi i riferimenti per chi volesse contribuire alla raccolta fondi anche con il 5 per mille: AmicaMente Onlus, Banca Popolare di Puglia e Basilicata, Filiale di Triggiano, Iban: IT58P0538541730000000300300 - Bic: BPDMIT3BXXX)

Oggi “Quindici” lo ricorda qui, a un mese dalla scomparsa, ma la redazione ha voluto dedicare a Biagio anche un ricordo sulla rivista mensile “Quindici”, in edicola a metà febbraio, perché il suo coraggio e la sua storia possano essere di esempio a tanti giovani e a tutte le persone che soffrono per qualche malattia degenerativa.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet