Recupero Password
Riaprire il Cup, sbloccare le liste d’attesa, il direttore generale della Asl Bari non risponde, lo sportello medico popolare scrive al sindaco di Molfetta
21 ottobre 2020

MOLFETTA - Le continue denunce e sollecitazioni fatte, in questi mesi, dallo Sportello Medico Popolare di Molfetta, in merito alla chiusura del CUP e l'allungarsi delle liste d'attesa, non hanno sortito nessun effetto. «Da quando abbiamo riaperto dopo il periodo di lockdown – dice un comunicato -, la nostra sede è stata presa d’assalto da cittadini totalmente disorientati che hanno trovato nel nostro sportello l'unico punto di riferimento. Abbiamo deciso, pertanto, di continuare a denunciare la cattiva gestione dei servizi offerti alla cittadinanza, direttamente al Direttore Generale dell'ASL Bari, alla Direzione Generale del nostro ospedale, al Sindaco Tommaso Minervini e al Presidente della Regione Puglia. Ancora una volta però le nostre denunce non sono state ascoltate da chi di dovere e non abbiamo avuto nessuna risposta alla richiesta di incontro fatta tramite pec il 6 ottobre 2020. Non abbiamo intenzione di arrenderci e il 19 ottobre abbiamo indirizzato una pec direttamente al Sindaco di Molfetta per un incontro urgente nel quale chiederemo impegni precisi a tutela della salute e del diritto una sanità pubblica ed efficiente e chiediamo che della questione si discuta quanto prima in consiglio comunale

Quella che viviamo è una situazione paradossale poiché, nonostante l'evento pandemico ci ha palesato la fondamentale importanza della sanità pubblica, nulla è cambiato in questi mesi; anzi, tutti i malati che non sono affetti da COVID-19 hanno visto aumentare le difficoltà di accesso alle cure della sanità pubblica. Ci chiediamo come mai il CUP di Molfetta funzioni solo ed esclusivamente per i pagamenti. Ci risulta che anche nei paesi vicini, gli uffici CUP funzionino con tutte le precauzioni necessarie al contenimento della diffusione del contagio. Come accettare il fatto che per una visita o un esame, i tempi d'attesa siano di svariati mesi? Nei mesi di lockdown, molti cittadini hanno procrastinato visite ed esami e, quando sono riusciti, spesso privatamente, ad effettuare visite ed esami, si sono ritrovati davanti a situazioni cliniche complesse, dato il ritardo con le quali erano state diagnosticate.

In questa situazione, non ci risulta nessun piano straordinario capace di mobilitare la sanità pubblica, cosa che, francamente, riteniamo inaccettabile. Altrettanto inaccettabile è l'atteggiamento delle istituzioni locali assolutamente silenti. Il sindaco di Molfetta, legalmente la massima autorità sanitaria cittadina, non una sola volta ha chiesto spiegazioni rispetto alla chiusura del CUP. Il presidente della Regione, Michele Emiliano, impegnato nel raccontare un mondo della sanità che esiste solo nei suoi sogni in campagna elettorale, niente ha fatto in merito. I cittadini e, in particolare, i pazienti che nella malattia vivono il loro momento di massima fragilità, sono esausti ed esasperati da questa situazione e noi con loro.

Se non dovessimo avere risposta a questa nostra richiesta di un incontro, proseguiremo la nostra mobilitazione con nuove iniziative».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet