Recupero Password
Presentato alla stampa il nuovo allestimento della Pinacoteca metropolitana Corrado Giaquinto Tra le importanti opere esposte anche un dipinto di Salvatore Salvemini
15 giugno 2021

BARI-- «Il nuovo allestimento della Pinacoteca è per noi una sorta di scrigno di tesoro che si apre alla città e si apre verso la valorizzazione di tante opere straordinarie che sono qui presenti, alcune delle quali erano nei nostri depositi. Il passaggio successivo sarà quello di utilizzare una parte dell’ex Mercato del Pesce per realizzare una mostra permanente con l’intento di valorizzare tante opere che abbiamo nell’area metropolitana, in accordo con i 41 sindaci che rientrano in tale area»: ad affermarlo il sindaco Antonio Decaro, incontrando i giornalisti presso la Pinacoteca metropolitana “Corrado Giaquinto”.

Questa mattina, infatti, è stato presentato il riallestimento della Collezione Grieco e la nuova sala dedicata interamente alle opere del Novecento.

Alla conferenza stampa sono intervenuti, oltre al sindaco metropolitano Antonio Decaro, la consigliera delegata alla Cultura – ICO - Biblioteca – Musei Francesca Pietroforte, la Dirigente del Servizio Beni e Attività Artistiche e Culturali Maria Grazia Magenta, la storica dell’arte Christine Farese Sperken e l’architetto Michele Ottomanelli.

La chiusura al pubblico imposta dalla pandemia non ha significato una stasi, anzi ha consentito di mettere in cantiere una serie di azioni che hanno portato restyling delle sale che dal 1985 hanno ospitato la Collezione Grieco, una preziosa raccolta di cinquanta dipinti della seconda metà dell’Ottocento e della prima metà del Novecento (comprende, tra l’altro, tutti i macchiaioli toscani, ad eccezione di Cecioni, e grandi artisti del Novecento come De Pisis, Morandi, Casorati).

La sala dedicata al Novecento propone un percorso che parte da Armenise, con la narrazione di una Bari a cavallo tra XIX e XX secolo per giungere a Baldassarre, Maselli, a Salvatore Salvemini, dipinti collopati intorno alla scultura di Nicola Carrino.

A catalizzare l’attenzione è, sicuramente, uno dei principali lavori di Pino Pascali: “9mq di pozzanghere” collocata secondo la visione originale dell’artista.

Il restyling delle quattro sale espositive, durato ben 15 mesi, come ha evidenziato la professoressa Farese Sperken, non è nato semplicemente da ragioni estetiche ma è frutto di una ricerca.

Si è creata una autentica sinergia tra dirigenza, staff, tecnici, studiosi, che ha consentito di ottimizzare gli spazi, di mettere in risalto le opere, grazie ai vivaci cromatismi delle pareti e dei pannelli e al nuovo sistema di illuminazione, e, non ultimo, di migliorare la comunicazione. L’area è stata dotata, infatti, di Wi-Fi gratuito, che consente di collegarsi al sito della Pinacoteca e accedere alla scheda scientifica di ciascuna opera, attraverso la lettura di QR code presenti nelle didascalie.

Non si tratta di uno spazio “concluso”, nel senso che l’intento è quello di realizzare una esposizione che varierà nel tempo, in cui saranno presentate altre opere attualmente custodite nei depositi. Come ha anticipato la dottoressa Maria Grazia Magenta, è in programma l’apertura al pubblico dei depositi, almeno in alcune giornate. La dottoressa Magenta ha tenuto a sottolineare che l’obiettivo è quello di rendere la Pinacoteca sempre più fruibile e fruita dai turisti e, soprattutto, dai cittadini dell’area metropolitana.

Altrettanto importante è la ripresa delle ricerche, la fruizione degli spazi da parte degli studiosi perché, come ha affermato la professoressa Farese Sperken, citando il presidente dell’ICOM, «il museo non deve mai smettere di studiare se stesso e il proprio patrimonio altrimenti è destinato a fallire».

Si può affermare, senza tema di smentita, che la dirigenza e tutti gli operatori della Pinacoteca metropolitana Corrado Giaquinto stiano impegnando tutte le proprie energie per rendere concreto questo auspicio.

Il nuovo allestimento sarà inaugurato ufficialmente giovedì 17 giugno alle ore 18. Nel rispetto delle norme antiCovid l’ingresso in Pinacoteca sarà contingentato, pertanto, si potrà accedere solo su invito.

Dopo le 19 l’ingresso al pubblico sarà con prenotazione obbligatoria (è necessario inviare una email all’indirizzo pinacoteca@cittametropolitana.ba.it o chiamare il numero 0805412420).

Dal 18 giugno la Pinacoteca sarà regolarmente aperta al pubblico dal martedì al sabato dalle ore 9 alle ore 19 (ultimo ingresso 18.30). la domenica dalle 9 alle 13 (ultimo ingresso 12.30); il lunedì e nelle festività sarà chiusa. L’ingresso è gratuito.

@Riproduzione riservata

Autore: Isabella de Pinto
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet