Recupero Password
Preoccupante raddoppio dei casi di soggetti positivi al Covid a Molfetta: da 20 a 43
Il sindaco Minervini
12 ottobre 2020

MOLFETTA – Preoccupante escalation dei casi di Covid a Molfetta: da ieri sono più che raddoppiati: da 20 a 43.
Lo ha comunicato il sindaco Tommaso Minervini aggiungendo che i contagi sono in aumento ovunque e quindi anche nella nostra città. I soggetti positivi al virus, però - ha aggiunto Minervini, che ha fatto il punto della situazione con il dipartimento di prevenzione – sono tutti asintomatici, come hanno rilevato i tamponi.
I soggetti interessati sono seguiti dai medici e dai pediatri e, per precauzione, sono state chiuse alcune classi che hanno attivato la didattica a distanza.

Intanto continua il lavoro di screening per la ricerca dei contatti stretti, in modo da avere una mappatura più completa della situazione. “Insieme al Dipartimento di Prevenzione continuiamo a ricercare tutte le possibili persone che possono aver contratto il Covid e sono pronti i tamponi per chi è in isolamento fiduciario. Ma dobbiamo rispettare le regole perché soprattutto in questa fase diventa fondamentale avere cautela in tutti i nostri comportamenti quotidiani. Abbiamo disposto la chiusura delle classi scolastiche legate ai casi riscontrati e abbiamo attivato uno sportello d'ascolto per chi sta affrontando la quarantena a casa. Chiedo massima responsabilità a tutti».

C’è da aggiungere che al di là del monitoraggio dei casi sospetti e asintomatici, occorre maggiore severità da parte delle forze dell’ordine, a cominciare dalla polizia locale. Troppa tolleranza esiste ancora verso gruppi di giovani in giro nelle zone centrali della città dall’area della villa comunale, al lungomare, a Corso Dante e in Piazza Municipio dove c’erano assembramenti e gente senza mascherina, con giovani che addirittura si passavano le bottiglie di birra (forse sarebbe il caso di chiudere i locali H24). Gli asintomatici sono proprio lì, ma restano un rischio per tutti. Stessa vigilanza va attuata all’uscita delle scuole, quando i giovani si tolgono le mascherine e si muovono in gruppo.
Siamo sicuri che il sindaco non si limiterà a chiedere la collaborazione dei cittadini, ma adotterà misure più severe, anche perché la campagna elettorale è finita e si può pensare a governare la città per la sicurezza di tutti, che è più importante dei cantieri perenni o dell’inaugurazione di inutili parchi.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet