Recupero Password
Potere al Popolo Bari: solidarietà agli studenti cacciati dall'uniba e al popolo curdo "Pensiamo sia molto grave che l’Università abbia vietato gli spazi ad un'iniziativa di solidarietà - afferma Eleonora Forenza, eurodeputata del GUE/NGL - Si trattava di un'iniziativa internazionale cruciale che denunciava la violazione dei diritti umani a scapito del popolo kurdo"
03 aprile 2018

BARI - «Potere al Popolo di Bari esprime la massima solidarietà e sostegno agli studenti dei collettivo universitario a cui il Rettore dell'Università di Bari, Antonio Felice Uricchio, sotto pressione del Miur, ha vietato di tenere un'iniziativa sull'invasione del Governo turco nelle terre della federazione dei popoli del nord della Siria – dice un comunicato -.

Alcune settimane fa il collettivo ha presentato all’Ateneo di Bari la richiesta di un’aula per l’organizzazione dell’evento “Defend Afrin-dibattito pubblico”. Un’iniziativa di discussione e controinformazione sull’attacco fascista della Turchia ad Afrin, nel nord della Siria. Compilato il modulo è stata assegnata un’aula dell’Ex Palazzo delle poste, confermata anche in seguito dai responsabili. Solo il 28 marzo, circa due settimane dopo la richiesta dell’aula, in un colloquio telefonico, il responsabile dell’“Ufficio organizzazione e gestione eventi”, ha comunicato che l’autorizzazione era stata negata.

Gli avvenimenti hanno comportato anche il coinvolgimento della Digos di Bari.

Ci uniamo alla richiesta che il Rettore prenda una posizione netta sulla vicenda e chiarisca le dinamiche che hanno portato a questa decisione. Che il Rettore condanni apertamente il genocidio dei popoli del Rojava e l’invasione dello stato turco. Che l'Università assolva alla sua funzione di luogo libero di formazione, in cui studenti e studentesse possano tranquillamente esprimere le proprie opinioni politiche.

Vogliamo l’università libera, aperta e solidale; invitiamo quindi il Rettore a riconsiderare la scelta di negare l’aula.

Saremo con le compagne e i compagni mercoledì 4 aprile dalle ore 10 in piazza Cesare Battisti, per un presidio di solidarietà con i popoli del Rojava e di denuncia nei confronti del clima di repressione ideologica nell’Università di Bari».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet