Recupero Password
Opere d’arte in città a Molfetta, la nuova tendenza dell’amministrazione Minervini. Ottima idea, ma i costi?
Michele Zaza con la sua opera
22 agosto 2019

MOLFETTA – Dai cantieri perenni ai “cantieri d’arte”, potremmo definire così la nuova iniziativa dell’amministrazione di Tommaso Minervini a Molfetta.

È stata scoperta questa mattina l’opera di Michele Zaza installata in un’area verde su via Bisceglie, all’altezza dello svincolo della 16 bis Molfetta Nord. Si tratta della prima di una serie di opere artistiche che renderanno più bella la città.

L’opera si intitola L’offerta del mare. I materiali utilizzati sono il ferro zincato e smaltato nella parte superiore, che conferisce gli effetti cromatici legati alla mediterraneità, e la pietra nella parte inferiore. “Si tratta di un polittico – spiega Zaza – composto da cinque pannelli, uniti tra loro con un movimento ondulatorio che ricorda le onde del mare. Il muretto a secco riporta alle nostre origini contadine. Concettualmente rappresenta la nostra terra, Molfetta, nello splendore dei suoi colori, con un senso di armonia e unità. È la configurazione ideale di un paesaggio esteriore e interiore tra cielo, mare e terra, dove l’uomo è il soggetto principale".  

Dopo l’opera del maestro Zaza, sulla futura rotatoria di via Terlizzi ne sarà posizionata una a firma di Gaetano Grillo, poi opere di ulteriori artisti molfettesi in altre zone della città, mentre al termine del primo “Simposio internazionale di scultura in pietra Città di Molfetta”, che si terrà dal 19 al 29 settembre alla Secca dei pali, sette artisti internazionali regaleranno altrettante opere alla nostra comunità che arricchiranno il patrimonio artistico cittadino.

Fin qui il comunicato stampa del Comune, al quale vanno aggiunte alcune necessarie considerazioni, alle quali ci auguriamo ci saranno delle risposte (che in realtà l’ufficio stampa ignora, venendo meno al compito per il quale ben 2 giornalisti sono pagati dai cittadini)

Ottima idea, indubbiamente e opera molto bella di un artista di grande valore. Ma la domanda che sorge spontanea è: quanto è costata l’opera. Da dove sono stati presi i soldi per pagarla, in un momento di crisi economica? Naturalmente il comunicato stampa non lo dice, venendo meno al dovere di informazione dei cittadini.

Ammenochè tutti gli artisti locali non abbiano deciso di donare le loro opere gratuitamente alla città, e questo rende le opere ancora più pregevoli e gli artisti meritevoli di apprezzamenti da parte dell’intera comunità cittadina, per il loro mecenatismo.

Come sempre il comunicato è incompleto: fateci sapere almeno quanto è costata la messa in opera della scultura.

Dalla città a rete alla città smart: quando la città trasparente?

© Riproduzione riservata

 

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet