Recupero Password
Operazione Back to Malta, presunto crac Ciccolella Molfetta: Pm, a Giancaspro maxi bonifico sospetto. Il presidente del Bari: sono estraneo, nessun riciclaggio Si indaga sul versamento, poi restituito, da 600mila euro. Si tratterebbe di una trattativa immobiliare non più perfezionata
Cosmo Antonio Giancaspro
19 gennaio 2018

 MOLFETTA - Riguarderebbe un bonifico da 600mila euro per l'acquisto, poi non avvenuto, di un immobile l'operazione sospetta sulla base della quale il presidente della Fc Bari 1908, Cosmo Antonio Giancaspro, anch'egli di Molfetta, ha subito ieri perquisizioni per una ipotesi di bancarotta fraudolenta nell'ambito di una indagine della Procura di Trani sul presunto crac del Gruppo vivaistico Ciccolella. 
I finanzieri baresi hanno perquisito per ore l'abitazione privata e l'ufficio di Giancaspro nella sede della società sportiva alla presenza dei suoi difensori, gli avvocati Piero Nacci Manara e Raul Pellegrini.
Stando all'ipotesi accusatoria Giancaspro, in concorso con l'avvocato barese Michele Bellomo, avrebbe riciclato parte del denaro distratto dai fondi delle società Ciccolella, quantificato in oltre 7 milioni di euro. In particolare Giancaspro, nel febbraio 2016, avrebbe ricevuto un bonifico da 600mila euro su un conto personale dalla società Masa srl di Bellomo, quest'ultimo ritenuto dalla Procura di Trani un prestanome dei Ciccolella, sulla base di un preliminare di vendita di un immobile.
La trattativa per l'acquisto non andò a buon fine e la somma fu interamente restituita con le stesse modalità alla società di Bellomo. Il sospetto della Guardia di Finanza è che si sia trattato di una finta trattativa immobiliare per dissimulare il trasferimento della ingente somma di denaro.

Cosmo Antonio Giancaspro attraverso una nota della società Fc Bari smentisce tutto e dichiara: sono estraneo alla vicenda, nessun riciclaggio, solo una trattativa immobiliare: «In relazione alle notizie diffuse in data odierna (ieri, ndr) dagli organi di informazione sugli accertamenti compiuti dalla Guardia di Finanza di Bari su delega della Procura della Repubblica di Trani, FC Bari 1908 SpA, al solo scopo di evitare l'alimentarsi di voci incontrollate e totalmente prive di fondamento, comunica la propria assoluta estraneità ai predetti accertamenti.

Nessuna perquisizione, sequestro o anche soltanto acquisizione di atti ha riguardato FC Bari 1908 SpA. Per completezza di informazione, si comunica che il Dott. Cosmo Antonio Giancaspro è stato destinatario di un decreto di perquisizione disposto dall'Autorità Giudiziaria di Trani in cui si prospetta l'ipotesi di riciclaggio della somma di denaro di euro 600mila, ricevuta dalla Masa Srl, rappresentata dall'avv. Michele Bellomo. Come assicura il Dott. Cosmo Antonio Giancaspro, nessun riciclaggio può minimamente ipotizzarsi a suo carico, in quanto tra lui e la Masa Srl è intervenuta solo una trattativa immobiliare riguardante la promessa di compravendita di un'unità immobiliare per la quale è stata corrisposta al promittente venditore Giancaspro la somma di euro 600mila (peraltro a mezzo di bonifico), poi integralmente restituita al promittente acquirente (e sempre a mezzo di bonifico) nel momento in cui la trattativa non si è più perfezionata. In ogni caso si esprime piena fiducia nella magistratura a cui i legali del Dott. Cosmo Antonio Giancaspro chiederanno solo di accertare con tempestività la sua palese estraneità all'ipotesi di reato in questione».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet