Recupero Password
Muore all’improvviso Pino Tulipani di Molfetta, garante regionale dei disabili
Pino Tulipani saluta Papa Francesco in occasione della visita del Pontefice a Molfetta
28 marzo 2020

MOLFETTA – Se ne è andato all’improvviso a 59 anni per una ischemia cerebrale Giuseppe Tulipani, conosciuto da tutti come Pino. Nato a Molfetta, viveva a Giovinazzo e al momento del malore stava aggiornando la sua pagina Facebook promuovendo nuove iniziative per i disabili e annunciando lo speciale sulla disabilità che domani sarà pubblicato sulle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno. Laureato in scienze politiche all'Università di Bari, con un passato nelle amministrazioni locali e nella Protezione civile, si è sempre distinto nel volontariato sociale a favore di persone affette da autismo, disturbi psichici e comportamentali.
Il 27 marzo 2018 il consiglio regionale lo aveva nominato Garante regionale delle persone disabili, un incarico che lo ha visto sino all'ultimo, con grande disponibilità e umanità, ergersi a paladino dei diritti di tutti i portatori di disabilità, impegnandosi sempre a costruire azioni più incisive per il mondo dei disabili.

Una bella persona, anche amico di don Tonino Bello dal quale ha appreso il servizio agli ultimi, che ha praticato nel corso della sua vita.

La notizia ha colto tutti di sorpresa e anche la Comunità della diocesi di Molfetta, con il Vescovo Domenico, si è stretta intorno alla sua famiglia, evidenziando le sue qualità di “Uomo buono, molto sensibile al sociale e alle sofferenze, che ha aperto la sua casa ai diversamente abili, mettendo a disposizione le sue risorse”. “Sono molto vicino alla sua famiglia – ha detto il Vescovo – , alla moglie, al caro Edoardo, alla carissima Rosa Maria, presidente parrocchiale di AC della Concattedrale di Giovinazzo e questa sera, nella messa, pregherò per Pino, per i suoi cari e per tutti coloro che hanno beneficiato della sua dedizione”.

In occasione della visita del papa a Molfetta Di recente aveva scritto su Luce e Vita “egli (don Tonino) ci sollecita a guardare l’umanità che, nella sofferenza, talvolta non riceve nemmeno il conforto della solidarietà, fatta di aiuto concreto”. E la sua vita resta a viva testimonianza per tutti noi.

Una notizia che ha colpito tutti quelli che lo hanno conosciuto e con i quali ha collaborato. Tulipani nel corso della sua vita aveva fatto tanto per donare dignità a tutti, indistintamente. Una missione che era alimentata dal grande amore per suo figlio Edoardo. In un’intervista al Sir diceva: “Parto proprio dalla mia esperienza di padre. La mia vita con Edoardo è un’esperienza ricca, piena, felicissima. Grazie a lui ho capito perché Dio mi dà questa sofferenza che trasformo in gioia e ho capito che questa era la mia missione sulla terra”.

Riportiamo il servizio che il Sir realizzò nel novembre 2016 sull’associazione “Angeli della vita” da lui fondata.

“Un orto, una fattoria, il lavoro quotidiano e tanta convivialità. Così ragazzi affetti da disabilità psichiche e motorie hanno la possibilità di riappropriarsi della propria vita e concedersi una chance per il futuro. Al di là dei pregiudizi e degli ostacoli che, spesso, la società pone loro davanti. E tutto questo grazie alla Fattoria Sociale e Orto Therapy dell’associazione di volontariato “Angeli della Vita” di Giovinazzo, in provincia di Bari. L’iniziativa, promossa dalla Regione Puglia e dalla Fondazione Caripuglia, è di fatto nata grazie agli sforzi del suo fondatore Pino Tulipani: “La nostra può definirsi un’opera francescana, nata dal niente grazie a tanti piccoli sforzi quotidiani. Contiamo sulle nostre forze e sulla buona volontà della gente. Perché vogliamo che la Fattoria sia una scuola, una università della ‘diversabilità’. Cerchiamo di rendere piena la vita di persone diversamente abili. E i frutti li vedo ogni giorno nei loro occhi e nei loro gesti”.

Donare un futuro nuovo. L’opera degli Angeli della Vita è una sfida quotidiana con lo sguardo rivolto avanti. Grazie a loro, infatti, venticinque persone diversabili, tra i 24 e i 66 anni, vivono una vita “normale”. Dando loro alternative di vita che le famiglie, spesso per difficoltà economiche, non possono garantire. Con l’aiuto di ciò che offre la natura: “Pet therapy e orto terapia – dice Pino – sono un’occasione per risvegliarli intellettivamente e per dare loro l’occasione di avere un ruolo attivo nella comunità”. E chi può avere più coscienza di Pino dei frutti del lavoro con gli animali e la natura? Suo figlio Edoardo è affetto da autismo, ma grazie al lavoro quotidiano con piante e animali è riuscito ad uscire ogni anno di più dal suo isolamento psicologico: “Parto proprio dalla mia esperienza di padre – dice Pino –. La mia vita con Edoardo è un’esperienza ricca, piena, felicissima. Grazie a lui ho capito perché Dio mi dà questa sofferenza che trasformo in gioia e ho capito che questa era la mia missione sulla terra”.

Nella Fattoria Sociale ci sono asinelli, caprette e cavalli che vivono quotidianamente insieme ai ragazzi diversabili: “Perché la natura è amore – continua Pino –. La positività che pervade i ragazzi deriva direttamente dal rapporto che la natura ha con loro. E io vedo i benefici della nostra opera nei loro occhi, nei loro gesti, nelle loro interazioni sociali che diventano ogni giorno più serene e attive”.

Una vera integrazione è possibile. Quella di Pino è una “Cattedrale laica”, come lui stesso la definisce. Un punto di riferimento di un’intera comunità. E infatti la sua opera non termina con il lavoro con i diversamente abili ma continua e si sovrappone con altri progetti e connessioni con cooperative e associazioni. “Angeli della Vita”, infatti, apre le porte anche a migranti, tossicodipendenti e detenuti. “Le Istituzioni credono in noi – afferma Pino –. Con il Ministero della Giustizia, ad esempio, c’è un progetto per la riabilitazione sociale dei detenuti. Un ragazzo relegato ai domiciliari ma che lavora con noi mi dice ‘Sei mio fratello’ perché il bene che sta ricevendo è incredibile. Serve per redimersi e reintegrarsi nella società”. Così come il progetto di orto sociale con gli immigrati che attraversano un percorso di volontariato, di conoscenza e avvicinamento agli animali e alle pratiche agricolo-ambientali. Spesso insieme ai ragazzi diversabili: “Ed è una gioia vederli lavorare e vivere pacificamente insieme, senza pregiudizi e con tanta semplicità. Questa esperienza mi ha aperto gli occhi ma soprattutto il cuore.
Noi cristiani le cose importanti non dobbiamo solo interpretarle, ma imparare ad osservarle”.
Quello degli “Angeli della Vita”, grazie al quotidiano lavoro di Pino e degli utenti della Fattoria, è un esempio di solidarietà senza fronzoli.

Anche il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini ha espresso il cordoglio per questa scomparsa: «Ho appreso con grande dolore della morte improvvisa di Pino Tulipani, garante regionale delle persone con disabilità, uomo intelligente, generoso, competente e gentile. La sua è stata una vita costruita sul passo degli ultimi guardando sempre agli insegnamenti di Don Tonino Bello. Sarà difficile riuscire a colmare il vuoto che ha lasciato. Certo di interpretare il sentimento di una intera comunità esprimo il mio più sincero cordoglio alla sua signora e ai suoi due figli, Edoardo e Rosa Maria».

Anche il sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma, il presidente della Regione, Emiliano e del consiglio regionale, Loizzo hanno espresso il loro cordoglio per questa scomparsa.
Il direttore di “Quindici” Felice de Sanctis piange l’amico e si stringe con tutta la redazione al dolore della famiglia per la perdita di questa persona buona, generosa e di grande umanità.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet