Recupero Password
Molfetta Calcio, un 2020 #InDimenticabile La vittoria del campionato di Eccellenza, il ritorno in D dopo 24 anni, la gioia smorzata dalla pandemia…
31 dicembre 2020

 MOLFETTA - Un anno speciale per la Molfetta Calcio, #InDimenticabile per molti versi (riprendendo l’hashtag usato spesso sui canali social biancorossi): un campionato di Eccellenza vinto in anticipo per via del blocco dei campionati, il ritorno in D dopo ben 24 anni di assenza, una gioia irrefrenabile smorzata solo dal cordoglio e dalle limitazioni imposte dalla pandemia ancora in atto.

Ma restiamo sui temi legati al campo: quest’anno è stato, come dicevamo, “InDimenticabile”. Abbiamo la presunzione di credere che i nostri tifosi- tutti coloro che hanno vissuto dal vivo e in streaming questa esaltante cavalcata- racconteranno ai propri figli e ai propri nipoti le gesta di questa Molfetta Calcio; proprio come la squadra del mitico presidente Fiore- l’ultima a calcare i campi di D (allora Interregionale)- resta sempre viva nei ricordi di tutti i molfettesi.

Ma andiamo con ordine e riviviamo quest’anno a dir poco particolare tappa dopo tappa…

Gennaio

Ad inizio anno, i biancorossi sono la capolista del campionato di Eccellenza con quattro punti di margine sul Corato. I successivi pareggi con Otranto e Barletta abbinati alla vittoria con il San Severo non bastano per mantenere il distacco invariato: alla 19° giornata il distacco tra le due squadre è di soli due punti.

Il 26 gennaio va in scena il match più rocambolesco dell’anno: Deghi Calcio- Molfetta Calcio 2-3 con i biancorossi che rimontano il risultato di 2-0 iniziale con una gran prova di forza e di carattere con una rete segnata in pieno recupero da Ventura. La vittoria consente di mantenere il distacco tra Corato e Molfetta di due lunghezze data la contemporanea vittoria dei neroverdi.

Febbraio

I biancorossi mantengono salda la prima posizione in classifica grazie a quattro successi consecutivi rifilando quattro reti per ciascun match. Il pericolo covid, però, piomba a capofitto sull’Italia e, di conseguenza, anche sull’economia del Paese: i campionati di calcio sono a rischio e c’è massima incertezza sul proseguo degli stessi. I grandi risultati raggiunti sul campo dai biancorossi potrebbero essere vanificati con l’annullamento del campionato!

 

Marzo

Il 1 marzo va in scena l’ultimo atto del campionato di Eccellenza 2019/20: la Molfetta Calcio fa il suo dovere e batte per 3-0 l’unica squadra sino a quel momento in grado di batterla in stagione, ovvero l’A. Barletta.

Poco dopo i campionati verranno sospesi.

Aprile- Maggio

Due mesi interminabili: da un lato una situazione insostenibile dal punto di vista sanitario ed economico per l’intero Paese, dall’altro la trepidante attesa di tutti i tifosi molfettesi in vista di una decisione finale in merito al possibile proseguo dei campionati.

Due gli scenari possibili in quel momento: annullamento del campionato 2019/20 o promozione delle sole prime classificate dei vari gironi di Eccellenza e serie D.

Giugno

Ad inizio giugno la tanto agognata decisione arriva: la Molfetta Calcio è promossa in D e i tifosi possono festeggiare (anche se con le dovute limitazioni). Sì, perché sono assolutamente vietati gli assembramenti e la gioia dei tifosi può solo esprimersi con caroselli di scooter e auto.

Il 21 giugno, però, la città di Molfetta dimostra la propria maturità: grazie al lavoro della dirigenza, del Sindaco Minervini e di tutta l’amministrazione comunale, i biancorossi riescono ad organizzare uno spettacolo dal vivo, alla presenza di appassionati e tifosi ben distanziati e con protezioni individuali, e con la presenza di tutti i veri artefici del grande traguardo raggiunto: giocatori, staff tecnico, dirigenza e collaboratori.

Luglio- Agosto- Settembre

In Italia e in Puglia calano i contagi ma c’è estrema incertezza sull’inizio dei campionati e sulla presenza dei tifosi.

La Molfetta Calcio, però, non si ferma: Beppe Camicia si aggiunge alla dirigenza come nuovo DG a Cormio, Presidente, Bufi, diventato Vice Presidente, d’Alesio, Presidente Onorario, e De Gennaro, Responsabile del Settore Giovanile mentre tutto lo staff tecnico viene confermato in blocco. La rosa inizia a comporsi con l’arrivo di diversi volti nuovi e la conferma dei principali protagonisti della vittoria del campionato.

Poi la conferma: il campionato partirà ad inizio ottobre con la presenza ridotta dei tifosi allo stadio. Può scattare la campagna abbonamenti e tutta una serie di iniziative di marketing per rinsaldare il rapporto tra squadra, società ed economia territoriale.

Ottobre

Finalmente si ritorna in campo: il 4 ottobre la Molfetta Calcio fa il suo storico ritorno in D e batte con un netto 3-0 il Francavilla in Sinni, compagine esperta della categoria.

Alla vittoria all’esordio, seguiranno tre sconfitte e un’altra vittoria casalinga con l’A. Cerignola. I biancorossi dimostrano di potersela giocare con chiunque e di “poterci stare” in questa categoria dopo aver ottenuto probabilmente meno di quanto seminato.

Dentro e fuori dal campo aumentano le iniziative imprenditoriali:

- marketing territoriale per incentivare la visibilità delle aziende del territorio;

- merchandising per consentire ai tifosi di acquistare anche online nuove maglie e gadget biancorossi;

- promozione della trasmissione in diretta streaming delle partite casalinghe per consentire a tutti i tifosi di poter vedere le partite dei biancorossi;

- rapporti consolidati con realtà estere per possibili collaborazioni calcistiche e non solo;

- convenzione stipulata con il Comune per la gestione autonoma dello Stadio;

- creazione di un nuovo inno e tante altre iniziative per la comunicazione della squadra.

Novembre- Dicembre

A novembre l’aumento dei contagi e le problematiche legati al tracciamento dei contagiati tra i tesserati portano al nuovo blocco dei campionati per alcune settimane. Il campionato, però, riparte, così come la tabella di marcia del Molfetta che ottiene una vittoria e un pareggio in casa con Picerno e Puteolana e un’amara sconfitta con l’Aversa in trasferta, chiudendo da imbattuti al Poli nel 2020!

I biancorossi si regalano due colpi da novanta nel mercato dicembrino con gli arrivi di Lacarra e Strambelli, oltre a quello precedente di Acosta, ma restano con i piedi ben piantati per terra: l’obiettivo resta la salvezza e i 10 punti ottenuti nelle prime 8 gare in stagione devono rappresentare solo un punto di partenza in vista di un felice 2021.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet