Recupero Password
Minacce e insulti al dr. Spaccavento per la sua petizione contro le giostre a Molfetta in tempo di Covid
Il dr. Felice Spaccavento
05 ottobre 2020

MOLFETTA – La questione della giostre alla Secca dei pali del quartiere Madonna dei Martiri di Molfetta continua a tenere banco. C’è chi ritiene giusto il provvedimento, perché permette ai giostrai di lavorare e chi, invece, lo ritiene sbagliato perché possibile veicolo di contaminazione più di altre attività commerciali.

Il dr. Felice Spaccavento, già candidato alle regionali per il centrosinistra a sostegno del presidente Michele Emiliano, si è subito schierato contro, soprattutto come medico e ha avviato una raccolta di firme per revocare tale autorizzazione al luna park in periodo di Covid.

Dopo questa iniziativa il dr. Spaccavento ha ricevuto minacce e insulti. Lo racconta lui stesso: «Nella giornata di ieri ho ricevuto minacce (alcune telefoniche), insulti, offese, ingiurie, preavvisi di denunce o querele, e tutto questo solo per aver chiesto di revocare l'autorizzazione per il Luna Park in località "Secca dei Pali", visto il momento che stiamo attraversando con un significativo aumento di contagi in tutta Italia, in Puglia e anche nella nostra città.

Una posizione, la mia, improntata alla prudenza e al buon senso che si accompagnava alla proposta di sostenere in tutti i modi possibili il reddito dei giostrai cui va tutta la mia solidarietà per aver sofferto per mesi a causa della chiusura delle loro attività, così come chiaramente scritto nella petizione on line che ho promosso.

A difesa del Luna park si è scomodato financo qualche medico dell'Ospedale di Molfetta che mai ha avanzato alcuna proposta di miglioramento dei percorsi di sanità del nostro presidio, ma che ha sentito l'esigenza di intervenire a favore del parco giochi.

Difficile da capire.

Sono amareggiato e addolorato. Mi sono battuto, sacrificando tutto dall'inizio di questa epidemia, per salvaguardare gli interessi delle nostre comunità, rinunciando a riposi, ferie e sacrificando la mia vita privata e la mia famiglia.

Tutto quello che faccio o propongo è solo nello spirito di evitare il ritorno ad un nuovo look down che sarebbe gravissimo per la nostra economia e per la tenuta sociale del nostro Paese e della nostra regione.

Il punto è perseguire l'interesse collettivo alla tutela della salute e alla sicurezza, non la difesa corporativa di una categoria professionale.

Il momento che stiamo attraversando è molto delicato e complesso, i numeri parlano chiaro. È di ieri la notizia del nuovo provvedimento con il quale il Presidente della Regione, Michele Emiliano, ha imposto l'utilizzo generalizzato delle mascherine anche all'aperto. Per i prossimi giorni è atteso un nuovo decreto da parte del Governo centrale che potrebbe introdurre ulteriori limitazioni. Serve prudenza e senso di responsabilità, in una fase così difficile. Servirebbe, a mio parere, aspettare solo qualche settimana per verificare che la curva dei contagi rallenti, in modo da poter riaprire tutto ciò che si vuole.

Questo è quello che penso, e per questo sono stato travolto da un'ondata di fango inimmaginabile e violenta.

Ringrazio quanti mi hanno espresso la loro solidarietà.

Per educazione non rispondo a tutto ciò che mi è stato vomitato addosso anche da alcune persone che conosco bene e che reputo intelligenti.

Credo si tratti, da parte loro, di un segnale di grande imbarazzo e forse anche di debolezza. Io vado avanti con la forza delle mie idee e del buon senso.

Statemi accanto».

Inutile dire che da molti cittadini è arrivata la solidarietà per Spaccavento, una conferma che buona parte della città non condivide la presenza delle giostre, che dovrebbero restare sul posto fino al 25 ottobre, e chiede la revoca del provvedimento.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet