Recupero Password
Lunedì sera in scena “Il terzo Golgota” nella chiesa di San Pietro a Molfetta Uno spettacolo inedito scritto da Pantaleo Annese con le marce funebri molfettesi trascritte per chitarra dal Maestro Vito Vilardi
23 marzo 2018

  MOLFETTA - Ultimo appuntamento della rassegna “Suoni e Parole di Quaresima in Santo Stefano”, organizzata dal sodalizio “dal Sacco Rosso”, che ha visto coniugarsi eventi culturali di diverso genere e che hanno accompagnato confratelli e non agli eventi pregnanti della Settimana Santa, ormai imminenti.

Nella serata di lunedì 26 (non più questa sera nella chiesa di S. Stefano come era previsto in precedenza), nella Chiesa di S. Pietro (nel centro storico, vicino a Palazzo Giovene), andrà in scena l’azione drammatica “Il terzo Golgota”, di e con Pantaleo Annese e Vito Vilardi; quest’ultimo trascritto per l’occasione diverse marce funebri molfettesi adattandole allo strumento a corda. La presentazione di ciò che andrà in scena non poteva che essere affidata alle parole dell’autore Pantaleo Annese.

Lo spettacolo nasce da un testo scritto circa 2-3 anni fa dall’autore sotto forma di ‘monologo interiore’ legato ad una sua fase di cambiamento personale. L’autore pensa ad un ‘Golgota’ da raggiungere, ad un cambiamento, percorrendo una ‘Via Dolorosa’ tutta personale. Dall’esperienza personale ne è nato poi l’adattamento alla vicenda di Gesù il quale dal Golgota ha generato il cambiamento della storia dell’uomo.

L’azione drammatica vede tre momenti della vita di Gesù confrontarsi con il Golgota: da bambino, accanto al padre, gli viene detto che in quel luogo bisogna avere le scarpe adatte e che ci va solo chi lo merita. Poi da ragazzo, ricordandosi le parole del padre, mentre egli è in questo uliveto riconducibile al Getsemani, si chiede cosa davvero avvenga lì; e mentre lo fa ha nostalgia del padre e sente da una parte i festeggiamenti di un matrimonio, dall’altro una madre piangere perché il figlio domani sarà condannato. Ed ecco allora il riafforare del ricordo del golgota visto da piccolo che lo porterà nuovamente a Gerusalemme, ove ci sarà la visione e la presa di coscienza del “terzo Golgota”.

Due i temi paralleli: quello musicale, con le marce funebri molfettesi trascritte per chitarra dal Maestro Vito Vilardi; l’altro quello dei sandali, che accompagnano il cammino fisico e anche interiore, nell’azione drammatica. Ovvero avere le scarpe adatte essere consapevoli esattamente di quello che si sta facendo, passando per stati coscienziali ed esperienziali importanti e difficili.

Gli autori si sono ispirati sì ai Vangeli ma anche a de André, Pasolini, al protovangelo di Giacomo e a “L’Ultima tentazione di Cristo” di Scorsese. Non mancheranno nemmeno i riferimenti alla ‘molfettesitàì della Settimana Santa, con il vernacolo e con i riferimenti alle processioni, eventi culmine della Settimana Santa.

Una ‘prima’ da vivere. Ingresso libero, inizio ore 20.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet