Recupero Password
Legambiente attacca l’amministrazione comunale di Molfetta sul rischio idrogeologico dei nuovi insediamenti produttivi Il Comune e la sindrome del Dottor Stranamore. Ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare “I Canaloni”
L'allagamento di qualche anno fa a Lama Cascione
15 ottobre 2019

 MOLFETTA – Pesante attacco di Legambiente all’amministrazione comunale di Molfetta: «Ancora una volta, il Comune di Molfetta ed il Consorzio ASI, nonostante tutti i dubbi espressi dal Comitato V.I.A. della Regione Puglia, dall’Autorità di Bacino e dall’ A.R.P.A., anche nelle integrazioni ai loro pareri, hanno confermato la volontà di risolvere il problema delle inondazioni nella Zona Industriale, realizzando due canali enormi che attraverseranno territorio agricolo di pregio e sfoceranno uno a cala San Giacomo e l’altro in territorio del Comune di Bisceglie.

Questi canali muteranno per sempre lo scenario ambientale e paesaggistico delle lame, la cui unica “colpa” è quella di trovarsi nella Zona Industriale di Molfetta, inopinatamente, edificata in un’area ad alto rischio idrogeologico e non adatta agli insediamenti produttivi.

Non contenta, questa Amministrazione ha dato mandato all’Ufficio tecnico per la realizzazione del nuovo piano degli insediamenti produttivi (PIP4) che utilizzerà la parte di territorio a est della zona industriale, anch’essa ad altissimo rischio idrogeologico. L’aspetto paradossale di tutta questa vicenda sta nella piena consapevolezza del Comune e dell’ASI dei danni fatti dalle precedenti pianificazioni, ma, evidentemente, l’incapacità d’immaginare uno sviluppo che non sia dannoso per l’ambiente è alieno da questa classe dirigente.

Anche i progettisti incaricati da entrambi gli enti, nelle loro integrazioni hanno proposto alternative all’attuale progetto di mitigazione, salvo abbandonarle, considerandole o troppo costose o irrealizzabili a causa delle trasformazioni subite dal territorio.

 Tra queste, ci sembra interessante la proposta di recuperare l’alveo naturale delle lame, intervenendo il meno possibile con canali artificiali o deviazioni, ma indirizzando il deflusso delle acque piovane, riutilizzando i collettori naturali quali sono le nostre “vilipese” lame.

Ci auguriamo che la commissione V.I.A. della Regione Puglia pienamente consapevole dei danni fatti dalle precedenti pianificazioni delle aree produttive di Molfetta e di quelli che farà la soluzione scelta dal nostro Comune e dal Consorzio ASI, esprima parere negativo a questo progetto, in maniera tale da costringere gli attori a mettere in campo altre proposte meno impattanti e rispettose dello scenario ambientale del nostro territorio.

Riteniamo che gli enti sovraordinati rappresentino oggi l’ultimo argine ad una politica che a parole parla di svolta verde, partecipando al Global Strike tenutosi a Molfetta, ma nei fatti persegue logiche novecentesche votate all’ aggressione ed estrazione violenta di valore dal nostro territorio.

Il presidente del circolo Legambiente di Molfetta “Giovanna Grillo”, Marco Di Stefano».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet