Recupero Password
La libreria “Il Ghigno” di Molfetta celebra il secondo centenario della nascita di Dostoevskij
17 marzo 2021

MOLFETTA – La libreria “Il Ghigno” di Molfetta celebra il secondo centenario della nascita di Fedor Dostoevskij con una lettura di Julia Kristeva.  

«Con gli occhi inchiodati su L’idiota, mio padre me ne aveva sconsigliato la lettura: “Distruttivo, demoniaco e vischioso, lascia perdere!”. Come al solito, ho disobbedito ai consigli paterni, e mi sono immersa in Dostoevskij. Ne sono rimasta abbagliata, sopraffatta, inghiottita».

Interverranno Augusto Ponzio Professore Emerito, ordinario di Filosofia e Teoria dei Linguaggi dell’Università di Bari “Aldo Moro”, Svetlana Kouzmenko interprete e traduttrice Istituto di Alti Studi Ssml Carlo Bo – Bari; coordina Alberto Altamura docente di Storia e Filosofia dei Licei “Einstein / da Vinci” Molfetta  


Sabato 20 Marzo 2021 ore 17,00
https://join.skype.com/hEfG36ikupiV
Link all’evento ??Il Ghigno Libreria Molfetta
https://ilghignolibreria.wordpress.com/


Le ragioni per non perdere questa serata sono riconducibili alle tre ragioni addotte da Kristeva per leggere Dostoevskij oggi: «La prima ragione è il confronto con la questione della morte, tornata forse alla nostra attenzione dopo la pandemia e il confinamento.
Da atea mi rendo conto di quanto il nostro umanesimo si sia costruito su un’idea di uomo trionfante, ottimista, in opposizione a una visione dell’umanità mortale preferita invece dalle religioni che hanno capitalizzato sulla consolazione e le promesse illusorie dell’aldilà.
Dostoevskij era ossessionato dalla morte e trova la forza di sopravvivere nella scrittura, ma tutti abbiamo la possibilità di trovare in noi una risorsa simile. La seconda ragione per leggere Dostoevskij oggi, nell’era dei tweet e dei messaggi brevi, è la sua frase interminabile, ricca, la capacità di trovare una sorta di godimento attraverso il linguaggio.
Infine, Dostoevskij ha messo in scena la psicopatologia umana, dalla pedofilia al femminicidio. Le sue figure femminili sono coraggiose, degne, rifiutano la schiavitù e l’essere considerate oggetti sessuali. Nasatas’ja Filippovna precorre il movimento meToo”.
Nel suo libro Polylogue (1977), Kristeva inserisce una sezione intitolata etica della linguistica” dove dimostra che non si può fare responsabilmente – il che vuol dire davvero scientificamente – Linguistica senza mettersi in ascolto del linguaggio letterario.
Alberto Altamura 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet