Recupero Password
La gravissima situazione politica, un momento drammatico che richiede una riflessione profonda. Il rischio di una deriva costituzionale
Salvini, Mattarella, Di Maio
31 maggio 2018

Caro Direttore, questa volta consentimi di esprimere una opinione su un problema che non è solo locale, riguarda Molfetta ma riguarda tutta l’Italia. E credo che tutti in questo momento delicato dobbiamo riflettere e abbassare i toni di uno scontro che non è più politico, ma rischia di degenerare in una deriva costituzionale senza precedenti e dalle imprevedibili conseguenze.

Questo momento drammatico che stiamo vivendo, non è un momento di difficile lettura, è un vero e proprio terremoto politico! Spero che ognuno di noi avverta le difficoltà del momento e senta il bisogno di intervenire per cercare in tutti i modi di fare abbassare i toni.

Toni incomprensibili, mai sentiti prima. Persino minacce di morte rivolte al Presidente della Repubblica, al rappresentante dello Stato; al rappresentante della unità nazionale, dunque di tutti noi.

Non è possibile! Il nostro è un grande Paese, ha una grande storia alle spalle, non può e non deve arrivare a tanto. Vorrei appellarmi a tutti i miei concittadini perché, in questo Paese che di politica ne capisce abbastanza, si facesse qualcosa per fermare questa deriva, dagli sbocchi imprevedibili. Qui si sta minando la nostra Costituzione e, con essa, la figura del Presidente della Repubblica. Oltre tutto, il Presidente non è responsabile degli atti compiti nell’esercizio delle sue funzioni.

Non possiamo minimamente pensare che il Presidente abbia tradito o peggio ancora abbia messo in atto un attentato alla Costituzione. Tutti abbiamo letto le accuse che si stanno facendo al Presidente. “Ha firmato la legge elettorale, ha firmato i decreti salva banche” ecc. Il Presidente le leggi deve firmarle! Il potere legislativo spetta al Parlamento. Ovviamente può, rinviarle alle Camere, chiedendo una nuova deliberazione. Se queste leggi le Camere le riapprova, devono essere promulgate! Il potere di rinviare una legge alle Camere, non è quasi mai esercitato, non solo Italia, ma in tutti i Paesi dove vige questa norma. Determina solo una perdita di tempo.

Oltre a fare appello alla moderazione ai miei concittadini, faccio appello alla Magistratura perché, in questo momento, anche se involontariamente, si sta minando l’onore ed il prestigio del Presidente, anche se stiamo apprendendo che, qualcosa sta avvenendo.

Esiste a mio avviso anche il problema del Pd e di Renzi. Ritengo di poter affermare che, nelle ultime elezioni, non si è votato contro il Pd, ma, solo ed esclusivamente contro la protervia di Renzi. Oltre tutto, non ha voluto capire, né la voglia del nuovo né il grande desiderio degli elettori, di pulizia e di cambiamento. Oggi dobbiamo avvertire la necessità di salvare il Pd, nello esclusivo interesse del Paese, perché è l’unico vero partito rimasto. Il Pd deve trovare una voce capace di arrivare ai sui elettori.  

Per fare questo, bisogna necessariamente oscurare Renzi. Posso anche sbagliarmi, ma penso, che Renzi abbia scientemente sabotato anche la possibilità di far nascere un governo del Pd con i 5 stelle, l’unico governo che forse, avrebbe potuto risolvere i problemi in questo difficile momento. Lo ha sabotato, pur conscendo i rischi che il Paese poteva incontrare.

Ritengo però che, anche in questo, difficilissimo momento, non dobbiamo smettere di sperare e di cercare le possibili soluzioni.

Vitangelo Solimini

© Riproduzione riservata

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet