Recupero Password
La biologa Emilia Favuzzi di Molfetta vincitrice della prestigiosa medaglia di Beddington del 2018
20 febbraio 2018

MOLFETTAEmilia Favuzzi, figlia di Mimmo Favuzzi, già senatore della Repubblica e fra i protagonisti di “Comitando” e della stagione della sinistra al governo della città con Paola Natalicchio, ha ricevuto la medaglia di Beddington, encomio di BSDB (la società britannica che promuove la biologia dello sviluppo) per i giovani biologi promettenti, premiato per la migliore tesi di dottorato in Biologia dello sviluppo, difesa nell'anno precedente al premio. Rosa Beddington era uno dei più grandi talenti e leader ispiratori nel campo della biologia dello sviluppo. Rosa apportò un enorme contributo al campo in generale e al BSDB in particolare, perciò sembrava del tutto appropriato che la Compagnia dovesse stabilire un memoriale permanente per lei. Il design della medaglia, topi su una elica di DNA stilizzata, è opera di Rosa stessa. 

Sulla rivista della BSDB leggiamo: «Vorremmo congratularci con il vincitore del 2018 della medaglia di Beddington, Emilia Favuzzi e vorrei cogliere l'occasione per dare una breve panoramica della sua carriera e del suo progetto di dottorato che ha ricevuto la medaglia di Beddington.

Emilia ha iniziato i suoi studi nel 2007 presso l'Università La Sapienza di Roma ed è stata insignita della B.Sc. in Scienze Biologiche con il massimo dei voti nel 2010. Ha soggiornato presso la stessa università per il suo progetto di Master che ha eseguito nel laboratorio di Sergio Nasi presso l'Istituto di Biologia e Patologia Molecolare (CNR, Roma). Ha completato il suo M.Sc. in Neurobiologia nel 2011, sempre con il massimo dei voti. Nel 2011 è entrata nel gruppo di Beatriz Rico presso l'Institute of Neuroscience di Alicante (Spagna) e si è trasferita con quel gruppo al Center for Developmental Neurobiology al King's College di Londra nel 2014, dove ha interrotto il suo lavoro di progetto. Il suo dottorato in Neuroscienze è stato assegnato nel 2017 dall'università Miguel Hernandez di Elche (Spagna) anche con summa cum laude. Dal 2017 è associata postdottorato nel laboratorio di Gordon Fishell presso il Broad Institute e la Harvard Medical School.

Durante il suo dottorato di ricerca, Emilia ha lavorato su due progetti che erano entrambi basati su approcci di screening candidati e genome-wide allo scopo di identificare i geni coinvolti nella formazione di sinapsi GABAergica. In un progetto, ha studiato il ruolo delle reti perineuronali durante lo sviluppo sinaptico degli interneuroni GABAergici. Ha scoperto che il componente della rete perineuronale Brevican è coinvolto nel gating degli interneuroni della parvalbumina controllando le loro proprietà intrinseche così come l'input estrinseco attraverso sinapsi eccitatorie (Fig.1). Questo articolo è stato pubblicato come articolo in evidenza in Neuron(2017). Emilia ha anche preso possesso di un progetto parallelo, dove ha collaborato con un altro membro del laboratorio per impostare protocolli per isolare diverse popolazioni di interneuroni e schermo per i geni coinvolti nello specifico bersaglio sinaptico degli interneuroni corticali nei diversi compartimenti delle cellule piramidali. Questo lavoro ha portato alla scoperta di geni candidati convalidati coinvolti nella formazione di sinapsi interneurone specifico, come mostrato attraverso gli approcci perdita e guadagno di funzione (Fig.2). Il rispettivo manoscritto è in preparazione e Emilia sarà condivisa come primo autore.

Il suo supervisore al dottorato Beatriz Rico ha detto di lei: " Emilia è un regalo per un supervisore: ti precede, tecnicamente e concettualmente, e ti spinge in avanti. È una persona geniale, estremamente motivata e creativa e resistente alle difficoltà che ha riscontrato durante lo sviluppo del suo progetto. Non ha mai mollato e persegue i suoi obiettivi con un'efficienza impressionante. È estremamente indipendente e molto impegnata. È pienamente impegnata nella scienza, un sogno per un supervisore. ”

Estratto della tesi: programmi specifici di tipo cellulare regolano l'assemblaggio e la dinamica dei circuiti corticali

Comprendere come le connessioni neuronali sono stabilite e organizzate in reti funzionali durante lo sviluppo è fondamentale per comprendere la funzione cerebrale. Nella corteccia dei mammiferi, gli interneuroni GABAergici sono caratterizzati da una notevole diversità di tipi e modelli di connettività. In quanto tali, sono particolarmente adatti a orchestrare ruoli specifici del circuito rilevanti dal punto di vista funzionale e a modellare criticamente la funzione corticale. Tuttavia, come la specificità del circuito inibitorio sia raggiunta durante lo sviluppo è in gran parte sconosciuta. Abbiamo rivelato la dinamica trascrizionale di diversi interneuroni corticali durante il cablaggio cerebrale e identificato molecole sinaptiche arricchite sottotipo. Inoltre, abbiamo dimostrato che la connettività funzionale dei diversi interneuroni si basa sull'espressione specifica cellulare di tali geni sinaptici. Del tutto, i nostri risultati dimostrano che i programmi molecolari altamente selettivi che emergono durante lo sviluppo negli interneuroni corticali supportano il loro precoce cablaggio e sono alla base della specificità del circuito inibitorio. Dopo la loro integrazione nei circuiti canonici, la plasticità dipendente dall'attività fornisce ai neuroni la flessibilità necessaria per adattarsi all'esperienza sensoriale. Gli interneuroni di parvalbumina (PV +) hanno dimostrato di svolgere un ruolo fondamentale in questo processo, ma i meccanismi molecolari mediante i quali l'esperienza influenza la plasticità PV + interneuron sono stati capiti male. Abbiamo rivelato come le proteine ??perineuronali (PNN) guidano il cablaggio delle celle PV + e l'adattamento della rete all'esperienza. Abbiamo dimostrato che la proteina PNN Brevican regola simultaneamente gli input eccitatori e le proprietà di fuoco degli interneuroni PV + controllando la localizzazione dei recettori AMPA e dei canali del potassio, rispettivamente. Abbiamo anche dimostrato che, modulando i livelli di Brevican, l'esperienza influenza le forme cellulari e sinaptiche della plasticità nelle cellule PV + e ciò è richiesto per la normale funzione cognitiva. Questi risultati rivelano un programma molecolare specifico per le cellule attraverso il quale una proteina PNN attiva in modo dinamico la funzione PV + interneurone sia durante lo sviluppo che sulla plasticità dipendente dall'esperienza».

Un'altra figlia di Molfetta che si fa onore all’estero e alla quale vanno le congratulazioni per i risultati raggiunti e gli auguri per maggiori affermazioni.

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet