L'intimità del Giappone a Bari: letteratura, haiku e racconti Letteratura giapponese, specchio di una cultura che nell'ultimo decennio affascina sempre più
Data

MOLFETTA - «L’odore intimo del Giappone» è un viaggio tra le pagine della letteratura giapponese, dagli haiku ai racconti, dal romanzo del passato a quello contemporaneo. Una donna, nella solitudine della sua stanza, delusa dal mondo occidentale, si rintana tra i libri. Pian piano, attraverso la voce delle parole, si svelerà anche il suo animo, affine alla sensibilità giapponese.

Si tratta di un reading delicato, mai volgare, anche quando si parla della sensualità più intima e profonda, realizzato in collaborazione con Biblioteca Giapponese, Federico II Eventi, Momiji – Centro di lingua e cultura giapponese e Terza Luna (ingresso 5 euro, ridotto a 4 euro per studenti universitari e momiji, con prenotazione obbligatoria al 3475596088 o notterrantecompagnia@hotmail.it).

Si terrà il 23 e 24 novembre alle ore 21 al Federico II Eventi di Bari (via Latilla 13 (prolungamento di Quintino Sella, dopo l'incrocio con c.so Vitt. Emanuele diventa via Latilla). L’atmosfera sarà arricchita da contestualizzazioni mimiche, con accenni al teatro No, e dai profumi del tè giapponese offerto da Terza Luna. «L’odore intimo del Giappone» è l’odore segreto che appartiene alla sua letteratura, specchio di una cultura che nell’ultimo decennio affascina sempre più.

«Lascio sui tetti di questa città del sud una storia d’Oriente, dove il sole non si traveste e rincorre ogni ombra.  Riscopro nell’aria le sillabe di un canto giapponese, toni brevi, all’improvviso lunghi, si accompagno a gesti del teatro No. Sento la parte imperfetta di me che si ribella nella bellezza di un teatro antico, crudele nel senso. Nelle sue intricate contraddizioni, vi trovo bellezza e natura selvaggia». (Mariella Soldo, la regista dell’evento)

Interverranno Ueda Akinari (In onore della poesia, trad. Maria Teresa Orsi), Osamu Dazai (Il sole si spegne, trad. Luciano Bianciardi), Kawakami Hiromi (La cartella del professore, trad. Antonietta Pastore), Yasunari Kawabata (Il paese delle nevi, trad. Luca Lamberti), Miyazawa Kenji (Il violoncellista Goshu, trad. Muramatzu Mariko), Yukio Mishima (Sole e acciaio, trad. Lydia Origlia),  Haruki Murakami (La ragazza dello Sputnik e 1Q84, trad. Giorgio Amitrano), Kakuo Okakura (Lo zen e la cerimonia del tè, trad. Laura Gentili), Murasaki Shikibu (Il ponte dei sogni, trad. Piero Jahier), Jun’ichiro Tanizaki (Il segreto, trad. Adriana Boscaro), Haiku e tanka da Il muschio e la rugiada e Centuria poetica. Introdurrà Anna Lisa Somma di Biblioteca Giapponese (Roma), mentre Barbara De Palma sarà voce e corpo narrante.

 

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997-2009
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet