Recupero Password
L’assessore alla sicurezza di Molfetta Pasquale Mancini: auto in fiamme chiederemo l’intervento della magistratura e del prefetto. Su Piazza Paradiso, confrontiamoci
07 gennaio 2018

MOLFETTA – L’assessore alla sicurezza di Molfetta Pasquale Mancini prende carta e penna e scrive alla città per spiegare la notte di fuoco di Capodanno e l’incendio di due automobili venerdì sera. E non si sottrae al confronto. Anzi, lo sollecita.

«Con le auto danneggiate ieri sera siamo a circa 263 autovetture incendiate in 8 anni: molti danni e tanti grandi pericoli per chi abita ai piani bassi delle case – scrive Mancini -.

Un problema che insieme al Sindaco avevamo già sollevato con decisione durante le prime settimane di Amministrazione attraverso incontri con i Vigili del Fuoco e le Forze dell’Ordine (utilizzando i dati prodotti negli anni dal Liberatorio, che riteniamo affidabili) di cui non avevamo ritenuto di dare notizia, poiché rientranti nella doverosa attività di prevenzione.

Successivamente a questi incontri erano stati effettuati alcuni fermi, ma in realtà il flusso di fuoco non si è mai arrestato.

Otto anni sono un periodo che ha attraversato tante Amministrazioni e che esclude casualità o improvvisazione: è tempo di porre con forza un problema strutturale forse mai realmente affrontato (e comunque mai risolto)  dalla politica e di capire cosa si nasconda dietro questa devastante sequenza di danni. Lunga, organizzata, pericolosa.

Una delle auto di ieri sera aveva un impianto a gas, era adiacente a un palazzo, ma tra gli spettatori” che assistevano all’incendio c’era chi rideva, come dinanzi a uno spettacolo ormai consueto. Questo non è degno di una città civile.

Non possiamo più rinviare un intervento radicale e deciso: ne avevamo discusso anche con il Presidente Piergiovanni durante la marcia di Bitonto, ma dobbiamo bruciare ulteriormente i tempi.

Ci recheremo personalmente presso la Prefettura e la Procura della Repubblica per verificare se sia già aperto un fascicolo di indagine e, nel caso in cui in otto anni non se ne fosse ravvisata la necessità, chiederemo che venga aperto.

La sicurezza, anche andando oltre le competenze di una Amministrazione Comunale, sarà argomento centrale per le forze politiche che governano la Città.

Questo non esclude il dibattito sul Capodanno in piazza Paradiso, che faremo perché riteniamo il futuro di quella Piazza un altro argomento importantissimo per la Città.

Un confronto cui, per intenderci, non intendiamo sottrarci».

PARTECIPA AL SONDAGGIO SU "QUINDICI": L'ASSESSORE SI DEVE DIMETTERE?

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
E'' tutto un ridere! Ridiamo tutti insieme. Ridiamo fiducia alla politica. Ridiamo fiducia ai politici. Ridiamo fiducia ai politicanti. Ridiamo anche della fiducia. Ridiamo fiducia alle vecchie e alle nuove proposte elettorali. Ridiamo perché non si pagherà il canone Tv. Ridiamo perché non si pagheranno le tasse universitarie. Ridiamo perché pagheremo meno tasse. Ridiamo perché aumenteranno le pensioni. Ridiamo perché aumenteranno gli stipendi. Ridiamo perché ci saranno milioni di nuovo posti di lavoro. Ridiamo perché ci sarà più verde pubblico. Ridiamo perché i ricchi diventeranno meno ricchi e i poveri meno poveri. Ridiamo perché i nostri giovani, le nostre intelligenze e cervelli rientreranno tutti in Italia, fare di questa Nazione la più ricca di scoperte scientifiche e quant''altro. Ridiamo perché gli anziani avranno assistenza medica senza pagare ticket esagerati e strutture adeguate in caso di ricovero. Ridiamo perché i bambini saranno assistiti e protetti per tutto il tempo lavorativo delle loro mamme. Ridiamo perché i papà gli stessi mesi di aspettative dal lavoro come le loro compagne per accudire casa e prole, senza essere licenziati o trasferiti a migliaia di chilometri di distanza. Ridiamo perché verranno aboliti tutti i privilegi della politica, paghe e pensioni a livello "lavorativo" e contributivo. Ridiamo perché aboliranno per sempre i "vitalizi". Ridiamo perché gli stipendi di uomini e donne saranno equiparati. Ridiamo perché Nord e Sud saranno finalmente pari in tutto. Ridiamo perché davanti alla legge saremo veramente e seriamente tutti uguali. Ridiamo. Ridiamo. Ridiamo perché si avvicina una nuova campagna elettorale. Ridiamo, ridiamo, ridiamo...........
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2018
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet