Recupero Password
L’Anpi di Molfetta ricorda Manfredi Azzarita ucciso alle Fosse Ardeatine
Manfredi Azzarita
22 marzo 2020

 MOLFETTA – L’Anpi (Associazione partigiani) di Molfetta ricorda che il 24 marzo del 1944 il Cap. Manfredi Azzarita (figlio del giornalista di Molfetta, Leonardo), insieme ad altri 334 civili e militari (tra i quali Don Pietro Pappagallo e il prof. Gioacchino Gesmundo di Terlizzi), venne ucciso a Roma (Fosse Ardeatine) dalle truppe di occupazione naziste.

Militare in carriera, si spese, fino al sacrificio della propria vita, per restituire alla Patria l'onore che il nazifascismo Le aveva sottratto.

«Oggi la Sezione ANPI “Giovanni e Tiberio Pansini”, di Molfetta, invita tutti, anche con piccoli gesti di civiltà (per esempio, rispettando tutte le prescrizioni stabilite per combattere il Coronavirus), a far sì che l'oblio del tempo trascorso non faccia dimenticare l'impegno di un uomo che insieme a tanti altri, donne e uomini di ogni età, diedero tutto, senza interesse personale, per ridare all'Italia la LIBERTÀ e la DEMOCRAZIA».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet