Recupero Password
L’accusa per lo sparatore di Piazza Paradiso a Molfetta è lesioni aggravate dall’uso dell’arma, non tentato omicidio L’uomo, dopo l'interrogatorio di garanzia, è tornato in carcere a Trani, da dove era uscito a novembre per precedenti per droga
Il luogo della sparatoria
31 dicembre 2018

 MOLFETTA – Davanti al Gip Maria Grazia Caserta della Procura di Trani è stato sottoposto all’interrogatorio di garanzia Denny Grosso, che avrebbe sparato un colpo di pistola contro Ruggiero Minervini, entrambi ventenni in piazza Paradiso. L'uomo si era costituito ieri.

L’accusa è quella di lesioni aggravate dall’uso dell’arma e non di tentato omicidio. Così Grosso, che era uscito a novembre dopo un periodo di detenzione per droga, ritorna in carcere.

Le indagini dei carabinieri hanno appurato che la lite era scaturita da vecchi rancori con la famiglia Minervini, degenerata poi nel colpo di pistola. L’arma, sembra una pistola artigianale, non è stata ancora trovata e Grosso ha dichiarato di essersene liberato gettandola in mare.

© Riproduzione riservata

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet