Recupero Password
Incontriamoci, è primavera: il sindaco Tommaso Minervini parla alla città
29 marzo 2019

 MOLFETTA - Primavera, tempo di incontrarsi, rinnovarsi, guardare oltre. Proprio nella data che coincide con l’inizio della primavera il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, ha organizzato un incontro politico della sua lista “Molfetta positiva”, aperto alla cittadinanza e con la partecipazione degli assessori e dei consiglieri comunali, per fare un bilancio della sua amministrazione comunale dal 2017 ad oggi e per illustrare i progetti in porto per la città. 

La lunga fila di progetti in fase di decollo, quasi fossero aerei, metafora utilizzata dal sindaco stesso, è stata presentata con dovizia di particolari e con interesse ai diversi ambiti. 

Di primaria importanza le tematiche legate all’ambiente, come il funzionamento del depuratore, la bonifica di bombe nel nuovo Porto Commerciale, la bonifica di Torre Gavettone, zona balneare prediletta dai giovani, la riqualificazione del tratto da Cala San Giacomo a Torre Calderina, il waterfront di ponente, la riqualificazione di Secca dei Pali, per la quale era stato sperperato denaro pubblico negli anni passati, il ripensamento dei cantieri navali che erano sotto sequestro e la ricostruzione del porto peschereccio e del mercato ittico che fungeranno da approdi turistici. 

Approdi per una città verde e dalla mobilità sostenibile, come dimostreranno il miglioramento dell’ASM, la nuova isola ecologica di levante, il nuovo impianto per lo smaltimento dei rifiuti stradali, i contratti per gli operatori della Multiservizi, che ne andranno così ad eliminare il precariato, e il miglioramento per il servizio MTM. Ma proprio perché una città va riprogettata a tutto tondo, molta attenzione è stata rivolta alla sicurezza. La nuova sede della polizia locale, in cui è prevista un’ampia cabina di regia, sarà inaugurata nei pressi dell’ospedale, mentre le sette rotatorie, i cui lavori dovranno essere appaltati entro l’anno, renderanno efficienti tutti gli ingressi per Molfetta. In particolare sulla rotatoria in via Terlizzi verranno posizionate due torri dell’artista Grillo come simbolo della città.

«Le aziende ci chiedono agevolazioni. Hanno voglia di espandersi, di assumere ragazzi, tra poco verranno presentati dei lotti per le ditte che vogliono il proprio risveglio economico perché è qui che c’è lavoro e ci sono opportunità di coesione» dichiara Minervini. 

Dopo la difficoltà nella rimessa in sesto della contabilità e del patrimonio del territorio comunale, si è riusciti anche a progredire dal punto di vista culturale: è pari 7 milioni di euro l’investimento per il nuovo teatro, da sempre sogno dei molfettesi. Importante novità la ristrutturazione del Palazzo della Musica, dove per anni il don Salvatore Pappagallo ha formato diversi musicisti, che diventerà un tutt’uno con Piazza delle Erbe, il cui abbandono cesserà di esistere.

L’illuminazione della Chiesa di San Domenico sarà completata a tutta la fabbrica, che presto vedrà un rinnovo, estetico e digitale, della Biblioteca Comunale “G. Panunzio” al suo interno, luogo che si confà alle esigenze di tutti gli studenti. Anche la Cittadella degli Artisti si avvierà presto verso questo rinnovamento, già da anni attivo presso il Torrione Passari, che sarà tra qualche mese accessibile al pubblico come non si è mai visto prima ad ora e che potrebbe rappresentare un importante punto di riferimento turistico. 

«Bisogna cogliere queste occasioni, questi progetti, anche a costo di restare in piedi tutta la notte a studiarli, altrimenti vanno perduti. Mi scuso per avere dedicato, in questi primi mesi, poco tempo alle persone e ai dettagli».

Per questa ragione l’attenzione del sindaco, una volta sistemati tutti questi progetti, sarà indirizzata alla sistemazione delle strade e alla riqualificazione di zone come via Macina.

«150.000,00 euro saranno destinati all’inclusione sociale, 100.000,00 allo sport, 400.000,00 ai progetti di inclusione per i giovani» annuncia il sindaco, fiero della ventata di novità che si spargerà su Molfetta.

Per il parco di Mezzogiorno è stato già stilato un progetto definitivo e finanziato, come per il Parco Tombino, grande distesa verde abbandonata e situata lungo la ferrovia. Allo stesso modo verranno risistemati, grazie ad ulteriori progetti finanziati, altri parchi e giardini in stato di degrado della città come quello in via Spadolini e gli spazi verdi in Piazza De Gasperi, Piazza Primo Maggio, Piazza Roma.

In previsione è la costruzione di dog park, ma una promessa è la rinnovazione di Piazza Immacolata che si sta attuando proprio grazie ai giovani del quartiere e alle loro competenze. 

«I lavori della piscina comunale sono stati affidati ad una ditta dalle credenziali internazionali» rassicura il primo cittadino «mentre l’ottimizzazione energetica nelle scuole, specialmente nelle elementari e nelle medie, sarà uno dei primi passi per la vivibilità del paese».

Comunicato alla cittadinanza anche il costo complessivo di questi interventi, che ammonta a 82 milioni di euro: è così che si chiudono i propositi per una stagione irripetibile dopo anni di stasi, da cui la speranza è solo una ripresa per la nostra città, secondo il sindaco Minervini.

 © Riproduzione riservata

Autore: Sara Fiumefreddo
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet