Recupero Password
Il grande maestro Omar Galliani e la sua mostra “Blu oltremare” alla Fondazione Valente di Molfetta, presente anche il maestro Gaetano Grillo
Giseppe Carabellese, Rocco Nanna, Omar Galliani e Carmela Minuto (ph Giuseppe Clemente)
12 aprile 2018

Molfetta, città dalla specchiata vocazione alla cultura, ospita il grande pittore Omar Galliani nella mostra “Blu Oltremare“ grazie alla Fondazione Vincenzo Maria Valente con il patrocinio della Regione, del Comune di Molfetta, e della Università degli studi di Bari e il sostegno di molti partner del territorio. Omar Galliani è un artista riconosciuto a livello nazionale e internazionale. Emiliano, insegna a Brera, collega dell’apprezzatissimo pittore molfettese Gaetano Grillo, ha partecipato a tre biennali di Venezia, numerose quadriennali di Roma, oltre alle biennali di Parigi, Tokio, San Paolo del Brasile, Pechino, ecc.. ed ha tenuto mostre a Mosca (Museo Storico Statale), sue opere fanno parte delle collezioni delle Gallerie degli Uffizi, dei Musei Vaticani, Poldi Pozzoli di Milano, Kafa Museum di Pechino, Pinacoteca di Bologna, Gam di Torino, e tanti altri. Insignito dal Presidente della Repubblica dell’onorificenza di Cavaliere delle Arti e della Cultura. Recentissimo (marzo 2018) il focus voluto su di lui da Gallerie d’Italia di Milano nella mostra “L’ultimo Caravaggio” eredi e nuovi maestri”, sulla lezione dei grandi maestri: l’Arte non opprime ma diventa una via maestra dalla quale poter avviarsi in direzioni nuove, sempre alla luce della bellezza come ideale spirituale. È questa la ricerca di Galliani.

L’evento, assai e ben articolato, è stato suddiviso in quattro fasi, tra il 6 e il 7 Aprile, due delle quali sono avvenute a Bari, ponendo l’ouverture con la Lectio Magistralis “le declinazioni del disegno” tenuta dal Maestro Omar Galliani nella Sala degli Affreschi dell’Ateneo di Bari, alla presenza del Magnifico Rettore Prof. Antonio Uricchio, del Presidente della Autorità Portuale, l’Avv. Ugo Patroni Griffi, del Direttore dell’ Accademia di Belle Arti di Bari, Prof. Giuseppe Sylos Labini e del Presidente della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, Avv. Leonardo Patroni Griffi, introdotti dal Presidente della Fondazione Valente, l’ Avv. Rocco Nanna.

Una targa ricordo della Fondazione è stata consegnata al Presidente di Exprivia, il Dott. Domenico Favuzzi. L’esposizione barese del Maestro Galliani ha avuto invece luogo presso il centro Porsche di Bari.

A Molfetta il 6 aprile alle 18,30 presso la Fabbrica di San Domenico, Omar Galliani e Gaetano Grillo, hanno tenuto una “conversatio” sul tema “Riscoprire la bellezza”, interessantissimo punto di confronto e convergenza sul nuovo modo di porsi degli artisti contemporanei davanti al vero senso della bellezza, soprattutto spirituale, necessario ai nostri tempi materialisti, e sulla responsabilità altissima di cui gli artisti debbono essere ormai consapevoli riguardo all’importantissimo ruolo di “testimoni” di una bellezza universale che è armonia e salva il mondo, citando non a caso lo scrittore e filosofo Dostoewskij. Insieme al Presidente della Fondazione Valente, Rocco Nanna, ottimo moderatore della serata, i due Maestri Galliani e Grillo, hanno dato il senso della misura dello riscoprire la bellezza a lungo obnubilata e invece tutta da riscoprire, attraverso un percorso lungo i secoli e i luoghi della bellezza in tutta Italia, in contrapposizione con quello smarrito senso della bellezza che ormai imperversa. Una aggressione è un dialogo con gli ascoltatori estremamente interessante condito in ambedue in tutto il mondo da almeno un secolo.

Il 7 aprile alle 18,30, presso la sede della Fondazione Vincenzo Maria Valente, c’è stata l’inaugurazione della mostra “Blu Oltremare”, alla presenza del Presidente della Fondazione Valente, Rocco Nanna e di Gaetano Grillo, il Maestro Omar Galliani ha ricapitolato poetiche e intenti: tra gli astanti, il Direttore della Accademia di Belle Arti di Bari, Sylos Labini, il Presidente di Exprivia Favuzzi, la neo Senatrice FI, Carmela Minuto, la Dott. Annalisa Altomare

Il maestro Omar Galliani ha creato un omaggio all'arte e alla bellezza anche femminile con una personale interpretazione, classica e contemporanea insieme, nel pieno stile e nella piena linea del grande contributo culturale dell'Associazione Vincenzo Maria Valente, operazione pienamente riuscita con risultati di altissimo spessore culturale e artistico che danno lustro alla nostra città, confermandola come un polo culturale e artistico pieno di possibilità e ulteriori sviluppi.

Omar Galliani ci dona una rilettura in chiave moderna di tradizioni consolidate, anche riguardo alle antiche tecniche utilizzate in queste opere, esprimendo la sua volontà di individuare una continuità poetica e temporale tra il passato e il presente.

Il maestro Galliani parla del suo concetto di bellezza che prende le radici dalle splendide opere del passato da Raffaello a Michelangelo a Leonardo... Questo è anche visibile nei suoi splendidi visi femminili ottenuti con tecniche antiche di disegno dove la manualità, la sensibilità e la bellezza si amalgamano in un risultato di squisita dolcezza e di fusion tra il gusto moderno e la perfezione antica.

Le opere portate a Molfetta sono così commistioni fra il moderno e l'antico, in blu o rosso o carboncino che sia. La modella è sempre la stessa di origine euroasiatica, ma il suo mutare delle angolature e delle espressioni ce la restituiscono sempre diversa, immersa in una bellezza spirituale e senza tempo sempre unica.

Il maestro ha voluto dare attraverso il viso femminile che è sempre stato investigato dai pittori del passato, il segno della bellezza come eternità, valore eternamente valido. A questo concetto utopistico eppure tangibile della bellezza spirituale, il maestro Galliani si rifà in ogni sua opera.

I soggetti delle sue opere (donne, dettagli di corpi, oggetti) appaiono come simboli, apparizioni, visioni poetiche che si dissolvono nel dualismo tra luce e tenebre. Il tratto dolce della matita si smaterializza nel colore e si raggruma nel chiaroscuro: rievoca i grandi maestri del passato esprimendo la condizione esistenziale contemporanea. La lezione dei grandi maestri non opprime ma diventa una via maestra dalla quale poter avviarsi in direzioni nuove ma sempre alla luce della bellezza come ideale spirituale.

Questi 4 incredibili appuntamenti d’Arte hanno tutti goduto del contrappunto musicale dell’ensemble costituito dai Maestri musicisti: Daniela Carabellese (violino), Francesca Carabellese (viola) , Giuseppe Carabellese (violoncello) Pietro Laera (pianoforte), dimostrando che le arti non hanno confini e la bellezza è un bene da condividere (foto Giuseppe Clemente per la Fondazione Valente).

 Daniela Calfapietro

 © Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet