Recupero Password
I Giovani del Pd di Molfetta contro la sen. Minuto (FI): un silenzio vergognoso sulla mozione Segre
Carmela Minuto nell'aula del Senato
04 novembre 2019

 MOLFETTA – I Giovani democratici del Pd attaccano la sen. Carmela Minuto di Forza Italia astenuta sulla mozione per Liliana Segre.

«Quanto accaduto mercoledì 30 ottobre a Palazzo Madama, durante la votazione della Mozione proposta dalla senatrice a vita Liliana Segre contro l’odio razziale e l’antisemitismo svela uno scenario inquietante, che ci spaventa tutti, da italiani e democratici – dice un comunicato -.
La nostra Costituzione, nata dalla resistenza ci impone di non tradire quei principi e di rinnovare quotidianamente la repulsione verso ogni ammiccamento ai regimi totalitari, soprattutto in una stagione come quella che stiamo attraversando, caratterizzata spesso da odio e paura come risposta ai problemi politici e economici che affliggono la nostra società.
Quell’applauso prolungato che ha accolto la senatrice Segre al suo ingresso in aula è – da una parte –  l’applauso di chi difende sempre, nell’impegno civico e politico, quei valori costituenti.
Troviamo invece vergognosa e senza giustificazione alcuna, l’astensione in blocco dei parlamentari di centrodestra, non solo quelli ubriacati dalla propaganda intrisa di odio fatta da Matteo Salvini, ma anche quelli appartenenti allo schieramento apparentemente più moderato, che con quella astensione hanno tradito quel bagaglio valoriale a cui ogni giorno dicono di appartenere.
Fatto vergognoso è anche che l’unica rappresentante della nostra città all’interno delle istituzioni parlamentari appartenga a quel blocco e abbia anche lei silenziosamente voltato le spalle alla nostra carta costituente.
Non possiamo accettarlo. Non possiamo accettare che Carmela Minuto, l’unica cittadina molfettese eletta in Parlamento, non abbia fornito la minima spiegazione in merito a quell’astensione. Tale spiegazione la pretendiamo, da cittadini italiani e molfettesi, da difensori di ogni posizione antirazziale e antidiscriminatoria coerentemente con ogni dettato costituzionale».

Insomma, secondo i Giovani del Pd, la Minuto non avrebbe avuto il coraggio di votare diversamente da Forza Italia trascinata sul fronte del razzismo e del fascismo dalla Lega di Salvini e da Fratelli d’Italia della Meloni.

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet