Recupero Password
I Comuni italiani possono farsi pagare con le criptovalute?
15 giugno 2018

Il Comune di Napoli ha appena avviato un gruppo di studio sulla blockchain e si dice pronto a sperimentare le criptovalute nelle operazioni di tutti i giorni. Cosa succederebbe se le monete virtuali venissero usate anche dagli altri Comuni italiani? Si può parlare di una nuova sfida all’euro?

 A Napoli un gruppo di studio per coniare criptovalute

?Circa 300 volontari di tutto il mondo hanno aderito al progetto del Comune di Napoli, che pochi mesi fa ha istituito un gruppo di studio per esaminare la fattibilità dell'utilizzo della blockchain per le attività amministrative. La missione del gruppo è quella di valutare la possibilità di accettare pagamenti con le criptovalute per musei, monumenti e servizi forniti dal Comune, verificare l’opportunità di effettuare raccolte fondi basate sulle monete virtuali, ma anche creare una nuova criptomoneta da diffondere e usare per sostenere l’economia di Napoli, basata sui prodotti tipici, sull’artigianato, sui monumenti storici e sul turismo.

 Si potrà pagare l'accesso al Maschio Angioino con i bitcoin?

 Se la possibilità di creare una nuova criptovaluta solo per Napoli sembra complessa da mettere in atto, ricevere pagamenti in monete virtuali potrebbe invece essere a portata di mano anche per un Comune. Il sindaco Luigi De Magistris ha apertamente sostenuto in un’intervista l’idea di dare ampio spazio alle criptovalute, in quanto a suo parere affiancare all’economia tradizionale un’economia basata sulla blockchain avrebbe un notevole potenziale economico. L’incremento del turismo a Napoli, una novità degli ultimi anni che ha inserito la città partenopea tra le destinazioni turistiche italiane più richieste sui motori di ricerca, richiede secondo il primo cittadino che l’offerta si adegui alla domanda, migliorando i servizi a disposizione dei visitatori. Potenziare il trasporto pubblico da un lato e testare nuove forme di pagamento, come quella virtuale, dall’altro, sarebbero per De Magistris due esempi concreti che porterebbero a sviluppare ulteriormente il turismo. Le monete virtuali accettate potrebbero essere numerose, dal celebre Bitcoin a Ripple: ognuna ha le sue caratteristiche, i suoi pro e i suoi contro, come spiega in varie schede il sito specializzato Coinlist. Approfondire le peculiarità di ciascuna potrebbe essere uno dei progetti trasversali del gruppo di studio.

 Rovereto: dove tutto (o quasi) si paga già in Bitcoin

?Nel resto d’Europa, tra Barcellona, Portogallo e Svizzera, esistono altre esperienze simili. Una delle più interessanti, tuttavia, è probabilmente quella di un’altra città italiana, che dista quasi un migliaio di chilometri da Napoli: Rovereto. Nella cittadina del Trentino la rivoluzione è iniziata nel 2015, quando i primi negozi hanno iniziato ad accettare i Bitcoin come forma alternativa di pagamento. In tre anni Rovereto è diventata la capitale italiana del Bitcoin. Qui, infatti, la maggioranza degli esercizi commerciali (dalla pizzeria alla lavanderia, passando per il centro estetico e la scuola guida) accetta la criptovaluta, è nato di recente un Comproeuro ed esistono addirittura distributori automatici per scambiare Euro e Bitcoin. Il cambiamento epocale, nato non per volontà del Comune ma grazie alla lungimiranza di alcuni suoi abitanti, ha la finalità di rafforzare l’economia locale aprendole una porta verso una clientela differente, che usa monete virtuali. L’euro, ovviamente, non è stato affatto abbandonato, e continua ad essere la prima moneta utilizzata in città.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet