Recupero Password
Gli scatti del molfettese Vincenzo De Pinto nella rivista archiviodietnografia
13 novembre 2020

MOLFETTA - Le fotografie del molfettese Vincenzo De Pinto, esposte nella mostra fotografica “S(u)onagli”, sono protagoniste nell’ultimo numero di archiviodietnografia, la rivista del Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo.

“Lo sguardo del fotografo – si legge nel reportage fotografico pubblicato dalla rivista – indaga con curiosità e minuziosa attenzione la materialità e le differenti caratteristiche di tali elementi: dai sonagli costituiti in latta, ottone, bronzo, ferro, rame, ai sistemi di montaggio dei vari tipi di pelli. Dalle dimensioni del telaio ai suoi diversi legni. Tutte queste particolarità danno vita a una moltitudine di timbriche sonore che caratterizzano i tipici ritmi musicali dell’area in questione. Le foto si soffermano molto spesso sui sonagli, piatti metallici che, a seconda della tecnica di lavorazione, sembrano dare il proprio dialetto al tamburello in costruzione”.

“S(u)onagli” – spiega de Pinto, maestro di danze popolari e presidente dell'associazione culturale Fabulanova – è il risultato di un progetto di ricerca che ha come protagonista il principale strumento della tradizione musicale della Puglia centro-meridionale: il tamburello. Il progetto, nato nel 2018, vuole riportare alla luce i più importanti metodi di costruzione del tamburo a cornice dell’Italia Meridionale”.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet