Recupero Password
Gianni Porta (Rifondazione Molfetta): festa è… e festa facciamo. 250.000 euro e via... Gli affidamenti diretti del “vicesindaco” Mariano Caputo. Il silenzio del sindaco Minervini. Bilancio comunale a rischio
Gianni Porta
04 luglio 2018

MOLFETTA – Sulle spese folli (e inutili, aggiungiamo noi) dell’assessore ai Lavori pubblici Mariano Caputo, con spreco di denaro dei cittadini, e con affidamenti diretti, interviene il consigliere dell’opposizione di sinistra Gianni Porta di Rifondazione comunista: «Pensavamo che la nuova riorganizzazione dei settori comunali da parte della Giunta Minervini servisse a migliorare il sistema di conferimento dei lavori e dei servizi ai privati e a razionalizzare le spese. Invece, osserviamo fenomeni strani che si ripetono.

1) Mentre il consiglio comunale prevede lavori di manutenzione straordinaria presso il Mercato ortofrutticolo generale per risolvere problemi che perdurano da anni, il nuovo Settore Patrimonio – istituito dalla Giunta Minervini – procede a lavori urgenti per sostituire solo una parte della copertura in plexigas per un importo di 37.806 € ovviamente al di sotto della soglia dei 40.000 €.

2) Ci sono infissi del PalaFiorentini che risultano pericolanti oppure infiltrazioni di acqua piovana a una scuola primaria? Il Settore Patrimonio affida direttamente sia i lavori di sostituzione degli infissi per un importo di 28.820 € che i lavori di manutenzione del lastrico solare per un importo di 28.050 € senza consultazione di due o più operatori economici.

3) A febbraio scorso terminano i lavori di installazione del nuovo impianto di videosorveglianza della locale caserma dei Carabinieri? Immediatamente sono necessari l’ampliamento dell'impianto appena installato, la sostituzione dell’impianto videocitofonico e di alcuni fari nonché altre piccole opere di manutenzione straordinaria. Il Settore Patrimonio procede a un nuovo affidamento sempre alla stessa ditta per altri 27.940 € che, sommati ai precedenti lavori per un importo di 14.520 €, vanno ben oltre la soglia dei 40.000 €.

4) La linea telefonica comunale “Voip” che periodicamente fa cilecca (in verità non ha mai funzionato, ndr) va riprogrammata? Il Settore Patrimonio ricontatta la stessa azienda che ha realizzato questi impianti telefonici “sfortunati” e si affida direttamente il servizio di riprogrammazione per un importo di 1.220 €. Si tratta solo di un intervento di manutenzione urgente in vista di un nuovo investimento degno della nuova “Smart City”? Nient'affatto: si impegnano altri 6.000 € per nuovi lavori di manutenzione ordinaria degli impianti telefonici e degli impianti di trasmissione.

5) Vanno formati gli operatori dei cantieri di servizio? Dopo i corsi di formazione sulla sicurezza del lavoro effettuati nel 2017, il Settore Patrimonio procede con un nuovo affidamento diretto per un importo di 1.500 € sempre alla stessa azienda.

Ma non è tutta opera e merito del Settore Patrimonio di cui è responsabile il sindaco Minervini, ci sono anche altri settori che si danno da fare e “cooperano”, come quello del “vicesindaco” di fatto, Mariano Caputo.

6) C'è da fare la manutenzione di alcuni immobili comunali? Se ne occupano sia il Settore Lavori Pubblici che il Settore Patrimonio. Il primo affida direttamente lavori per nuovi tronchi idrico-fognanti per 38.500 € (sotto la soglia dei 40.000 €), il secondo settore affida sempre direttamente, sempre per gli stessi immobili, lavori di rifacimento degli impianti elettrici per 11.800 €.

7) Bisogna riqualificare il giardino pubblico di Corso Fornari, tra via Cappellini e via Giordano Bruno? Il Settore Lavori Pubblici decide di spendere più di 40.000 € procedendo comunque con affidamenti diretti, “spezzettando” i lavori tra una prima ditta (7.813 €), una seconda ditta (34.000 €) e una terza ditta (6.000 €) per un totale di 47.813 €.

8) Infine, anche il Settore Territorio non è da meno con un affidamento diretto di 27.000 € a un tecnico di fiducia per il progetto del nuovo teatro comunale.

Tutta questa manna dal cielo, poco più di 250.000 € in soli poco meno di due mesi; il tutto con ricorso ad affidamenti diretti e una inadeguata programmazione nonché coordinamento degli interventi tra gli assessorati per questioni ordinarie (figuriamoci poi in occasione di eventi straordinari...).

Immaginiamo che anche su questo il sindaco Minervini, che è anche assessore al bilancio/tributi/sport/personale/patrimonio, non sia in grado di offrire risposte o spiegazioni».

 

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2018
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet