Recupero Password
Gianni Porta, Rifondazione: il ballo della Sanb (gestione rifiuti) a Molfetta e il servilismo del Pd e di “Noi” ad Emiliano
Gianni Porta
16 ottobre 2019

MOLFETTA – Ancora la questione della Sanb (gestione rifiuti) in primo piano. Ricordiamo che sul numero del mensile “Quindici” in edicola si può leggere l’editoriale del direttore Felice de Sanctis dedicato all’argomento. Ieri se ne è parlato in consiglio comunale. Ecco una dichiarazione del consigliere dell’opposizione di sinistra Gianni Porta (Rifondazione comunista, compagni di strada): «Ieri è stata definitivamente approvata la ricapitalizzazione della Sanb dopo il fallimento di questi ultimi cinque anni. Abbiamo confermato il nostro voto contrario perché non si può costruire una casa dal tetto.
Intendiamoci, l'obiettivo di arrivare a un soggetto pubblico unico tra i Comuni di Molfetta, Corato, Bitonto, Ruvo e Terlizzi è in sé condivisibile.
Ma la strada imposta dalla Regione per raggiungere questo obiettivo si è già dimostrata inefficace, sbagliata e controproducente la prima volta (la Sanb dal 2014 non è ma diventata operativa, anzi è fallita). Altre strade intermedie potevano essere perseguite (consorzio di rete, partecipazioni incrociate tra Asm Molfetta e Asipu Corato, ecc.) ma la Regione Puglia, prima con Vendola e ora con la gestione padronale di Emiliano e dei suoi uomini, ha ribadito i suoi no per partito preso.
Adesso si riprova a ricapitalizzare la Sanb senza alcuna differenza nelle modalità utilizzate, con un nuovo giro di valzer (e speriamo non solo di poltrone per il nuovo consiglio di amministrazione da nominare).
Se la prima volta la nostra perplessità si basava su previsioni e ipotesi, adesso la contrarietà è rinsaldata dalla storia e dai fatti di questi anni.
Certo, quando il padrone Emiliano minaccia gli Enti locali dicendo "o si fa così o privatizziamo" il servizio, c'è poco da scherzare. Ma almeno noi che debiti e riconoscenza a questi signori della Regione non ne dobbiamo, abbiamo il dovere di spiegare che c'è un altro punto di vista e che c'erano altre possibilità per arrivare all'obiettivo. Gli amici del Pd e di Noi questa libertà non l'hanno avuta perché giocano nella stessa squadra di Emiliano, quello che prima firma le Carte della salute e poi declassa l'ospedale di Molfetta.
Insomma, non c'era bisogno di tirare per i capelli i lavoratori di Asm e Trasmar, parlare in modo inappropriato di salvaguardia dei posti di lavoro per nascondersi dietro di loro e giustificare la decisione sulla Sanb. Bastava ammettere che non sempre la Regione Puglia di Emiliano ha ragione ma soprattutto che siccome prossimamente ci sono le elezioni regionali, la maggioranza che sostiene Tammacco - il dominus della coalizione - non poteva né doveva spaccarsi».

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet