Recupero Password
Gara di solidarietà per una lapide ad Antonio (Tarzan) a Molfetta: partecipa anche tu
Antonio Sciancalepore, affettuosamente chiamato Tarzan
09 maggio 2021

MOLFETTA - Non lo vedremo più sfrecciare tra le vie della città con la sua bicicletta, non lo vedremo sotto il sole cocente, le intemperie, affrontare, come in una gara podistica, chilometri e sfide. Antonio non ne ha più bisogno. Ha vinto senza competere, lui che con umiltà ha insegnato, senza volerlo fare, l’umanità.

Ed è una perdita per tutti, perché tutti sapevamo che c’era, che sarebbe sbucato, improvvisamente, come un raggio di sole tra i vicoli del centro storico, con la sua bici, con le medaglie di gare a cui, per sensibilità, si è sempre piazzato al primo posto.

Antonio non c’è più e tutti ci sentiamo più soli, incapaci di accettare una perdita, come per un fratello, un amico, un congiunto. Ed ognuno rispolvera ricordi belli, come bella era la sua anima. Ed il mio pensiero non può non andare a momenti felici quando prima accanto ad Antonio, mio padre, e poi al mio fidanzato, mi faceva il baciamano, con delicatezza, ad occhi bassi, avvicinando la mia mano alle sue labbra, senza toccarle. Come in una moviola, mi rivedo piccola con mio padre in capitaneria e poi col mio futuro marito sul porto, e Antonio lì, a fare da custode a quella scenografia naturale, a quella bellezza gratuita ed inconsapevole di cui lui ne faceva, a pieno titolo, parte.

Se n’è andato così come ha vissuto, in silenzio, con discrezione, con quella eleganza tipica delle persone semplici e umili eppure grandi. E noi ci sentiamo impotenti di fronte a questa perdita, bisognosi di un atto tangibile che ci permetta di sentirlo ancora vicino.

E allora ben venga la gara di solidarietà lanciata da Olga Antonucci, se questa ha l’obiettivo di donare una lapide ad Antonio, se vuole dare dignità ad un nome, ad una persona solitaria, a farla sentire meno sola, a far sì che chi lo ricorda, possa avere un momento di ricordi e raccoglimento, davanti a lui, alla sua lapide. Olga Antonucci, contitolare di un’impresa di onoranze funebri, ha questo obiettivo e lancia una sottoscrizione affinché possa essere collocata, lì dove lui riposa, una lapide.

E’ il momento di esserci, è il momento di dimostrare il nostro affetto ed il sentimento condiviso della mancanza che Antonio Sciancalepore ha lasciato.

OLMA SRL

IT 34 V 05387 41560 000002630507.

Causale: Contributo per la realizzazione lapide “Tarzan”.

“L’umiltà è l’inizio della santità”. (Madre Teresa di Calcutta)

E tu, Antonio caro, sei e rimarrai esempio.

© Riproduzione riservata

Autore: Beatrice Trogu
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet