Recupero Password
Festa della Madonna dei Martiri a Molfetta: il sorteggio premia il motopeschereccio Diamante
08 luglio 2018

MOLFETTA – Un lungo applauso ha sottolineato il sorteggio del motopeschereccio “Diamante” dell'armatore Vito Mezzina che, il prossimo 8 settembre, imbarcherà la statua della Madonna dei Martiri.

Sorteggio che è avvenuto in una data particolarmente significativa: oggi (come ha ricordato il Papa all'Angelus) si celebra la giornata del mare e, come ha affermato l'ammiraglio Michele De Pinto durante l'incontro, «la Santississima Madonna dei Martiri è soprattutto la compatrona dei marinai di Molfetta, prima ancora che dei cittadini. Nel tempo, però, si è sviluppata una attività che coinvolge la cittadinanza».

Molfetta, inoltre, oggi celebra il santo patrono San Corrado, ricordando la traslazione delle reliquie dall'antica alla nuova Cattedrale (avvenuta il 10 luglio 1785).

La vera novità, dunque, è stata quella di scegliere come data per il sorteggio il giorno della festa di San Corrado, patrono della nostra città e della nostra diocesi, accomunando idealmente i santi patroni di Molfetta, come confermato dal presidente del Comitato Feste Patronali Francesco Angione e dal parroco della Cattedrale don Vito Bufi, che ha letto la scelta come una «ideale unione della protezione del Santo Patrono e della Madonna per il bene delle nostre famiglie».

Come è ormai consolidata tradizione, sono piccole mani a sorteggiare la “barca della Madonna”. Quest'anno è toccato al piccolo Francesco, in una sala particolarmente affollata, estrarre il numero che ha assegnato al vittoria al motopeschereccio “Diamante”. Subito dopo è stato sorteggiato il peschereccio di riserva, quello che dovrebbe sostituirlo in caso di rifiuto da parte dell'armatore: la scelta è caduta sul motopeschereccio “Tonia”, degli armatori Antonio Del Rosso e Antonia De Bari.

In realtà non è mai accaduto che l'armatore del peschereccio estratto abbia rinunciato a quello che è considerato un grande onore e un segno di devozione verso la nostra compatrona.

All’incontro di questa mattina hanno preso parte, oltre ai già citati presidente Angione, ammiraglio De Pinto e don Vito Bufi, i rappresentanti degli armatori e del Comitato Feste Patronali nonché il rettore della Basilica Madonna dei Martiri padre Francesco Picciocco.

L'ammiraglio De Pinto, nell'evidenziare che è la seconda volta che partecipa a questo momento fondamentale per lo svolgersi della festa di settembre, ha affermato: «Mi auguro che possa continuare, perché registro un impegno molto serio e costruttivo, defatigante per gli armatori e per il Comitato stesso. Uno sforzo fisico e finanziario». L'ammiraglio ha, poi, lamentato una certa “lontananza” da parte dell'amministrazione comunale, pur presente nei momenti cruciali: «auspicio che ci sia un rinnovato impegno civico per sostenere questo sforzo».

Un timido segnale di ripresa può essere considerato il concorso di sette imbarcazioni (in lievissimo aumento rispetto allo scorso anno): i motopescherecci Marianna (abbinato al numero 1), Maria (abbinato al numero 2) e Cristina (abbinata al numero 3) dell'armatore Altomare, Giulia Rana (abbinata al numero 5) dell'armatore Saverio De Ceglia, oltre ai già citati Diamante (abbinato al numero 4) e Tonia (abbinato al numero 6).

«Al di là del lavoro o della professione c'è qualcosa di più che vogliamo manifestare» ha rimarcato padre Piciocco, prendendo spunto dal brano del Vangelo di questa domenica e sottolineando la centralità degli aspetti religiosi.

Sulla stessa linea d'onda don Vito Bufi: «Unione degli aspetti folcloristici e degli aspetti religiosi. Dobbiamo fare in modo che questi aspetti vadano di pari passo, senza che uno prevalga sull'altro».

Il sorteggio è stato preceduto dal ricordo, da parte di Salvatore Binetti, membro del Comitato Feste Patronali, di due importanti personalità recentemente scomparse: Biagio De Candia e il prof. Leonardo De Pinto. A quest'ultimo si deve la stesura del regolamento del sorteggio, sino a 15 anni fa seguito solo per consuetudine.

Un ulteriore, fondamentale, tassello del complesso mosaico che disegna la festa della Madonna dei Maritiri è stato posto questa mattina.

Citando padre Piciocco, non ci rimane che augurare «Buon vento a chi quest'anno avrà la gioia di portare il simulacro della Madonna dei Martiri».

@Riproduzione riservata

Autore: Isabella de Pinto
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2018
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet