Recupero Password
Enzo Avitabile a Molfetta: un concerto da incorniciare
19 dicembre 2021

MOLFETTA - Quello che non ti aspetti e poi succede. Perché che un grande musicista, compositore contemporaneo, giunga nella propria città è fisiologico, normale ma che la serata diventi un cammeo da incorniciare diventa stupore, sorpresa, regalo.

Enzo Avitabile a Molfetta con “Sacro sud”, all’Auditorium Regina Pacis, un progetto del musicista inteso a identificare il Sud, i sud, non come posizione geografica, ma come luogo, luoghi di incontro, di scambio, di sacro e profano, di riti religiosi e riti popolari che si incontrano, si mischiano, si completano, senza perdere le proprie individualità, arricchendosi.

E così i suoni e le vocalità di Avitabile, i suoni della napoletanità, diventano musiche che accompagnano riti religiosi, adottati dai cardinali Giordano e Sepe durante le funzioni religiose.

Avitabile è un musicista poliedrico e virtuoso. Conosciuto a livello internazionale come sassofonista, spazia tra vari strumenti. Il saxanello, uno strumento ibrido, da lui inventato emette suoni quasi umani, vibranti, profondi, come quelli di una madre che si reca in pellegrinaggio al santuario di Montevergine per il proprio figlio, perché a Napoli si crea una sorta di rapporto di confidenza tra il santo ed il credente, per il quale il fedele non chiede la grazia, la pretende!

Avitabile incanta, fa riflette ed accende in uno scambio continuo tra i musicisti ed il pubblico. E non è il concerto cui si è abituati, è un viaggio che parte da Napoli per arrivare a quei bambini che nasceranno in una grotta, oggi, sotto le bombe, tra le macerie come 2021 anni fa. E lo sguardo di disperazione è rivolto a loro.

“Tutti ugual son i criatur”, contiene contaminazioni del continente africano devastato ma che guarda ancora al futuro con gli occhi della speranza.

E chi lo avrebbe detto che il termine tamburo, nella lingua napoletana, può essere declinato al maschile o al femminile a seconda che chi la pronunci sia un uomo o una donna. E che una tammuriata potesse essere dedicata a Don Tonino Bello.

Semplicemente succede in una serata semplice e preziosa come le cose belle, semplici, di valore inestimabile.

Avitabile si dona, e regala pezzi del suo repertorio “a richiesta”.

E duorme

 stella, Man e man, Soul express.

What else?

© Riproduzione riservata

Autore: Beatrice Trogu
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet