Recupero Password
Emergenza Covid, a Molfetta assembramenti senza controllo. La denuncia dei lettori a “Quindici”
21 dicembre 2020

 MOLFETTA – Gli assembramenti continuano e si moltiplicano a Molfetta, ma sembra che sia tutto normale e tutto consentito.

Ieri abbiamo raccontato di alcuni gruppi di persone (anche in 15) che abbiamo visto al lungomare e c’è stata quasi una sollevazione da parte dei soliti negazionisti.

Il problema dei contagi Covid è una cosa seria da non sottovalutare, ma i negazionisti riescono a far credere che il problema non esista. Un atteggiamento irresponsabile, che continueremo a condannare, come continueremo a chiedere maggiore vigilanza da parte delle forze dell’ordine che devono intervenire quando si formano questi gruppi.

Il solito buontempone dice: “ma se stanno fra di loro e sono amici, che male c’è”. L’ignoranza in materia è ancora tanta. Eppure i virologi, gli scienziati, gli esperti, ci dicono come il virus invisibile possa viaggiare facilmente da una persona all’altra e aumentare i contagi.

 

Pubblichiamo alcune lettere inviate a “Quindici” da persone responsabili che ricordano agli irresponsabili che la loro libertà finisce dove comincia quella degli altri.

E’ un principio di democrazia che deve valere sempre.

Ecco le lettere:

 «Buongiorno, leggo cose incredibili da parte di gente che continua a negare gli assembramenti a Molfetta. Eppure li vedono tutti, tranne chi dovrebbe vederli.
Ma mi chiedo: possibile che chi è responsabile, venga considerato uno sprovveduto? E’ colpevole negare anche l’evidenza: sul lungomare, in piazza Municipio, davanti ai bar, davanti alla chiesa del Purgatorio (come mostra la foto che vi invio, per i negazionisti, ma anche per gli sprovveduti) gli assembramenti di ieri erano vergognosi. Eppure c’è chi continua ad accusare gli altri di insistere nel rispetto delle regole
».

 

«Ieri, sono quasi venuto a diverbio con un avventore - se ne contavano una decina, assembrano davanti ad un bar, alcuni a bere birra e chiacchierare, ovviamente, senza mascherina. Non è successo, perché una persona del... gruppo, ha sedato l'esagitato, sentenziando che "avevo ragione io". Che dire? Grande.... soddisfazione???. E 'gli uomini del ...', cioè volevo dire le forze dell'ordine stanno a guardare?».

 

«Se vengono la sera in via Tommaso Salvemini altroché happy Hours... d’altronde le pattuglie sono passate più volte con tanto di lampeggianti accesi, ma non si hanno notizie di multe fatte a questi giovani».

 

«Tutte giuste queste lamentele e segnalazioni, ma nessuna forza dell'ordine è andata a vedere cosa succede fuori ad un locale di via Tenente Losito, nei pressi dell'ex magistrale? Stamattina, come al solito, verso mezzogiorno e mezzo, c'erano centinaia e centinaia di giovani, senza mascherina, assembratissimi e con bevande in mano.

Uno scempio che offende quanti negli ospedali si stanno sacrificando per salvare vite, messe in pericolo proprio da atteggiamenti incoscienti del genere. Ma sbaglio o è vietato consumare nei pressi dei locali, da cui si può fare solo asporto?

Il bello è che (visto con i miei occhi) è passata nei pressi una macchina di una certa forza dell'ordine che non sto qui a nominare ed ha fatto finta di non vedere.

Ora mi sono veramente rotto... come cittadino che sta murato in casa da marzo, ho il diritto che questa amministrazione cittadina controlli a tappeto e faccia rispettare la legge (dello Stato, tra l'altro), perché non è giusto che per la imbecillità dei giovani e la inettitudine delle cosiddette Autorità, chi rispetta oltre la lettera le leggi debba rimanere ancora recluso o rischiare addirittura di andare al cimitero.

Se chi comanda a Molfetta non è capace, se ne vada che ci fa pure un piacere... a Molfetta abbiamo bisogno di qualcuno che prenda provvedimenti e non di presenzialisti a manifestazioni, benedizioni ed inaugurazioni varie...

Voglio vedere cosa si farà nei giorni rossi a venire ...

E MO AVAST!!!».

 

L’amministrazione comunale tace? ma è un silenzio che fa rumore. La tolleranza non può essere accettata nei casi in cui è a rischio la sicurezza pubblica. Se non si ha il coraggio di prendere in mano la situazione, senza fare comitati e commissioni che non servono a nulla, soprattutto se non agiscono, è meglio dimettersi e lasciare il posto ad altri.

In una situazione di emergenza i provvedimenti impopolari vanno adottati senza preoccuparsi del consenso (le elezioni regionali sono finite e quelle comunali ancora lontane): è questo che chiede la maggioranza della popolazione che fa sacrifici, evita assembramenti, rispetta le regole, ma vede che tanti altri non lo fanno, mettendo a rischio tutti.

I sermoni del sindaco lasciano il tempo che trovano, i divieti ancora di più: il messaggio che la gente percepisce è quello di una tolleranza, che non può essere più tollerata.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet