Recupero Password
E’ Fulvio Spadavecchia il consigliere comunale di Molfetta ai domiciliari. Il nome reso noto ufficialmente dai difensori che rettificano la ricostruzione dei carabinieri
21 ottobre 2018

 MOLFETTA – Viene fuori ufficialmente il nome del consigliere comunale di Molfetta dell’opposizione di destra attualmente agli arresti domiciliari: si tratta di Fulvio Oberdan Spadavecchia eletto nelle liste di Forza Italia.

Lo fanno i difensori l’avv. Maurizio Altomare e l’avv. Pantaleo de Pinto in un comunicato: «Nella nostra qualità di difensori del sig. Fulvio Oberdan Spadavecchia, intendiamo effettuare talune precisazioni in relazione ai fatti per i quali lo stesso è accusato.

La ricostruzione fornita con il comunicato affidato alla stampa dall’arma dei Carabinieri, infatti, fornisce una versione decisamente fuorviante e lontana dalla realtà.

Risponde al vero che il sig. Spadavecchia abbia conosciuto una studentessa su un sito web dedicato ad incontri intimi, mentre è frutto di fantasia, e non trova alcun riscontro negli atti di indagine, la circostanza secondo la quale “al rifiuto di sottoporsi a pratiche sessuali dalla stessa non gradite, il 45enne l’avrebbe minacciata di divulgare nella rete foto che la ritraevano in atteggiamenti inequivocabili”.

Tra i protagonisti di questa vicenda, infatti, v’è stato un primo incontro intimo, durante il quale le parti erano perfettamente consapevoli, lucide e consenzienti, nel corso del quale, però, alcuna fotografia è stata scattata, con la conseguenza che lo Spadavecchia non avrebbe in alcun modo potuto ricattare la studentessa con foto che, si ribadisce, sono assolutamente inesistenti.

L’indagato, durante l’interrogatorio dinanzi al Gip, ha reso una lunga deposizione, con la quale ha chiarito tutti gli aspetti della vicenda ed, in particolare, che dopo il primo incontro vi sono stati ulteriori contatti in chat, nel corso dei quali, evidentemente, si sono creati dei fraintendimenti circa la volontà di proseguire gli incontri intimi che hanno fatto degenerare la situazione e portato ad un epilogo così turbolento.

L’auspicio dell’indagato e dei difensori è che, chiariti questi aspetti alla stampa ed al pubblico, la vicenda possa ritornare ad essere di interesse unicamente della Giustizia, riservando all’indagato, già sconvolto dalla vicenda, stante la sua posizione professionale e l’incarico pubblico ricoperto, la possibilità di non essere ulteriormente esposto alla gogna mediatica e per la quale si stanno valutando eventuali azioni nei confronti dei tanti commenti poco piacevoli apparsi sui social network».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet