Recupero Password
Dopo la lettera della signora al sindaco di Molfetta tramite “Quindici” arriva l’appello dell’Azione Cattolica diocesana: «La dignità umana prima di tutto» nel nome di don Tonino Bello
09 gennaio 2019

MOLFETTA – Il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, continua a tacere (probabilmente perché prigioniero della sua maggioranza di destra, in un difficile equilibrio amministrativo ed è costretto a trascurare anche il sentimento di umanità) sull’appello rivolto da una cittadina attraverso “Quindici” perché si unisca agli altri sindaci, fra cui quello di Bari, Decaro, a rifiutare il decreto sicurezza e ad aprire il porto. Questo appello della signora ha suscitato un grande dibattito e reazioni di segno opposto (da registrare la rilevante la cattiveria di molta parte dei cittadini che dimenticano gli insegnamenti di don Tonino). C’è stata perfino una richiesta da parte di alcuni cittadini, perché “Quindici” si facesse promotore di una raccolta di firme a sostegno della proposta della signora.

Oggi scende in campo anche l’Azione Cattolica Diocesana ricordando anch’essa gli insegnamenti di don Tonino che tanti, con molta ipocrisia, hanno dimenticato, dopo la visita di papa Francesco a Molfetta nel 25° anniversario della sua morte.

Ecco l’appello dell’Azione Cattolica, che condividiamo e speriamo scuota le coscienze di chi si considera cristiano non solo a parole: «Stiamo vivendo settimane e giorni febbrili in cui, su temi politici di rilevanza fondamentale per la nostra identità di popolo e per il nostro futuro, si susseguono notizie, emergenze, colpi di scena, dichiarazioni, smentite, prese di posizione che stanno infiammando il Paese e che, proprio per il carico di responsabilità e di scelte che comportano, interrogano e fanno discutere animatamente Istituzioni, alte cariche dello Stato, sindaci e regioni, intellettuali, ma anche la società civile.

Dopo il Decreto Sicurezza e rispetto alla questione "Porti chiusi" per le navi Ong che soccorrono migranti, si sta scatenando un vero e proprio movimento di protesta ampio, variegato, supportato da motivazioni differenti, che parte soprattutto dalle periferie, ed è un fenomeno che non va sottovalutato né ignorato, segno di un dilagante disagio, ma anche di una dialettica partecipazione alle sorti del nostro Paese.

La Chiesa, attraverso le parole del Papa, si è sempre espressa in maniera inequivocabile ed in tempi non sospetti, sulla salvaguardia della vita umana e sulla sua dignità, sulla necessità di operare in una prospettiva di inclusione e concreta integrazione, così come sulla urgenza di rimuovere situazioni di conflitto che generano morte, povertà, sperequazione economica e sociale.

Come Azione Cattolica diocesana, seguendo la strada tracciata dal nostro compianto Vescovo don Tonino, apostolo della pace, della promozione umana e della convivialità delle differenze, non possiamo tacere; sentiamo invece forte il dovere morale di onorarne la memoria con il coraggio delle idee e la concretezza dei segni.

Abbiamo quindi l'urgenza, in questo momento storico confuso, di esprimerci con essenzialità evangelica e senza tanti giri di parole per affermare che prima delle nostre paure, prima della rabbia, prima degli italiani, viene l'uomo, c'è "prima l'uomo".

Se questo principio viene messo in discussione da una legge o dalle sue applicazioni, se la stessa legge s'incardina su basi che minano i fondamentali diritti umani, noi dobbiamo dire in maniera chiara che per noi la vita e la dignità umana sono al primo posto.

La nostra coscienza ci impone di dire un chiaro "no" alle inquietanti prospettive che questa legge apre, a cominciare proprio dalla negazione della sicurezza. Vogliamo inoltre invitare i movimenti laici e cristiani, i sindacati, le associazioni culturali e di categoria, i gruppi, a far sentire la propria voce al fine di promuovere ed incentivare insieme, con una plurale presa di posizione, un movimento dal basso, popolare, che possa alimentare non fumose e rancorose discussioni sui social, ma la possibilità concreta di un'azione sociale mirata, efficace e soprattutto umanamente educativa.

Se, come diceva don Milani, l'obbedienza non è più una virtù, il silenzio in certi casi non è rispetto, è omissione». E questo vale anche per il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini. Non basta la presenza alle manifestazioni del Papa, occorre dimostrare concretamente quello che si dice a parole. Un po' di coraggio, sindaco, fa la differenza!

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet