Recupero Password
Digressione Music “Luigi Capotorti” disco di inediti del maestro molfettese (Molfetta 1767 – San Severo 1842) La presentazione il 21 gennaio nel Salone Palazzo Dogana a Molfetta e mercoledì 22 gennaio 2020 il concerto nel Duomo di Molfetta
14 gennaio 2020

 MOLFETTA - In occasione dell’anniversario della nascita di Luigi Giuseppe Capotorti, l’Associazione omonima ha ideato, progettato e realizzato un percorso di studi e di riscoperta che desse il giusto valore alla figura e all’opera del compositore molfettese. Sicuramente una sfida contro l’oblio del tempo e insieme un atto dovuto di conoscenza rivolto alle nuove generazioni perché ne abbiano memoria. Il disco e la pubblicazione in edizione critica, sono il frutto di questa ricerca.

Il Maestro Luigi Capotorti fu violinista di talento e compositore di spicco nel panorama musicale napoletano. Ebbe successo e fama nella prima metà dell’Ottocento e insieme ai tanti musicisti pugliesi che studiavano e operavano a Napoli fu parte di quell’ “attivismo mercantile”, che caratterizzò, come ha scritto il critico Moliterni, il dinamismo musicale di quel tempo. Le sue opere, eseguite e salutate con grande interesse dal pubblico dell’epoca e riconosciute dalla critica del tempo, meritano ancora oggi una grande attenzione da parte di tutti.

L’incontro con l’etichetta pugliese Digressione Music che da anni s’impegna nel recupero, valorizzazione e pubblicazione di repertori inediti, ha reso possibile l’incisione di questo repertorio.

Il programma di questo disco si sofferma su alcune sue pagine sacre e strumentali, eseguite in versione originale con edizioni d’uso filologiche e non attraverso arrangiamenti o trascrizioni.

Le fonti scelte sono rare, alcune poco note, alcune autografe, tutte custodite in Italia: la “Nuova Messa per solennità festiva” dell’Archivio Storico Diocesano di Molfetta; l’arietta “Innocente Verginella” appartenente al Fondo delle Benedettine di San Severo; “L’Augurio del Santo Natale” e la “Sinfonia scritta a piena orchestra e ridotta per P.F.” provenienti dalla Biblioteca di San Pietro a Majella; il “Divertimento grazioso” custodito a Milano nel Fondo Noseda del Conservatorio.

Nelle tastiere storiche coesistenti nel XIX secolo riscontriamo le meccaniche.

Un lavoro rigoroso ed un’esecuzione coerente che fanno di questo disco un ulteriore prezioso tassella nella composizione del tessuto musicale Pugliese storicamente passato ma che continua ad animare la feconda e ricca attività musicale meridionale.

La presentazione del volume avverrà martedì 21 gennaio nel Salone di Palazzo Dogana a Molfetta ore 19, mentre mercoledì 22 gennaio ore 20 ci sarà il concerto di presentazione nel Duomo Di Molfetta.

 LUIGI GIUSEPPE CAPOTORTI

(1767 - 1842)

Coro polifonico “L. Capotorti”

diretto dal M° Nicola Petruzzella

note di Annamaria Bonsante

Digressione Music, 2020

 

LUIGI GIUSEPPE CAPOTORTI

(1767 - 1842)

Coro polifonico “L. Capotorti

Barbara Massaro Soprano

Antonella Colaianni Mezzosoprano

Francesca Faleo Violino

Vito della Valle di Pompei Pianoforte

Nicola Petruzzella Direzione

note di Annamaria Bonsante

Digressione Music, 2020

 

Nuova Messa per Solennità Festiva

  1. Kyrie
  2. Gloria in excelsis
  3. Domine Deus
  4. Qui tollis
  5. Qui sedes
  6. Cum Sancto Spiritu
 

7 Divertimento grazioso

8 L’augurio del Santo Natale

9 Sinfonia

10 Innocente verginella

 

CREDITS

registrazione effettuata nell’AREA DIG nel mese di ottobre 2019

sound engineering Giovanni Chiapparino

progetto grafico samsastudio

traduzione Annamaria Altomare Anna Chiara Cecilia Amato

foto Antonio D’Agostino

Disco registrato su pianoforte Fazioli F212

Digressione Music srl – Molfetta, Via Santa Colomba 6 – 080.9143318 / fax 080.9143328 / 3474250444

www.digressionemusic.it – www.areadig.it – info@digressionemusic.it

Note Biografiche

Barbara Massaro, soprano

Si diploma in Viola e in Canto sotto la guida di Silvana Manga con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano.

Vincitrice del 67° Concorso AsLico per il ruolo di Despina (Così fan tutte - Teatri del Circuito Lombardo); è poi la Principessa (La bella dormente - Teatro Lirico di Cagliari), Adina (L’elisir d’amore - al Teatro Coccia di Novara), Nannetta (Falstaff - Liverpool Philharmonic Hall), Frasquita (Carmen - Arena di Verona), Berenice (L’occasione fa il ladro - Tiroler Festspiele Erl), Zerlina e Lauretta (Don Giovanni e Gianni Schicchi - Teatro Filarmonico di Verona).

Incisioni: Driade in Baccanali per Dynamic (2016) e Tebaldo nel cd “Anita” per Sony Classical (2018).

Collabora con i direttori D. Renzetti, G. Capuano, F. Ciampa, A. Cadario, M. Beltrami, V. Petrenko, G. Sagripanti e i registi L. Muscato, G. Aliverta, H. de Ana, F. Micheli, V. Borrelli.

Antonella Colaianni, mezzosoprano

Inizia gli studi musicali come flautista. Si diploma presso il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce col massimo dei voti e la lode. Nel 2010 vince il Concorso Internazionale per la Comunità Europea “A.Belli” di Spoleto e il premio speciale “Livia Dionisi”, qui debutta come protagonista nella Carmen di Bizet. Ha interpretato i ruoli di Pippo ne La Gazza ladra di Rossini al Teatro Petruzzelli di Bari (D. Michieletto - G. Petrou), Maddalena nel Rigoletto al Teatro Verdi di Trieste diretta da Carminati e Grinda e nei teatri di Modena, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ravenna. È stata protagonista di una tournée col Teatro Comunale di Bologna in Messico, al Festival Cervantino di Guanajuato. Ha cantato nel Der Fledermaus come Prinz Orlowski per il Teatro Petruzzelli. Recentemente è stata impegnata nella Luisa Miller di Verdi all’Opera di Montecarlo. Ha interpretato il ruolo di Isabella nell’Italiana in Algeri di Rossini (Teatri di Catania, Savona, Pisa e Sassari), il ruolo di Suzuky nella Madama Butterfly (Teatri di Bologna, Catania, Festival di Kyoto, Lecce), Orfeo nell’Orfeo ed Euridice di Glück (Lecce), Frugola, Zita e Zia Principessa nel Trittico di Puccini (Teatri di Bari, Messina, Seoul Arts Center di Seoul, Corea), protagonista nello Zanetto di Mascagni (Lecce), Mercedes nella Carmen nei Teatri di Bologna e Bari. Ha lavorato con direttori come Maazel, Carminati, Palumbo, Fogliani, Rovaris, Olmi, Peréz-Sierra, Zanini, Gedshold, Chaslin.

Francesca Faleo, violinista

Compie i suoi studi musicali presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, diplomandosi brillantemente in Violino nell’ottobre 2007 sotto la guida della Prof.ssa Gemma Loseto e in Viola nel giugno 2010 con il massimo dei voti sotto la guida del M° Paolo Messa. Ha frequentato corsi di formazione orchestrale a Roma, diretto dal M° Ughi, M° Aprea e dal M° Loppi ed a Lanciano diretto dal M° Di Martino in qualità di spalla delle viole. Ha al suo attivo diverse pregevoli collaborazioni con affermati solisti della musica classica (Bacalov, Kim, Krylov, Sollima, Grubert, Marvulli, Salza, Maur, Dego) e della musica leggera (Lucio Dalla, Noa, Gil Dor, Al Bano, Ron, Sergio Cammariere, Armando Trovajoli, Simona Bencini, Mario Rosini, Peppe Servillo). Ha suonato sotto la direzione di illustri direttori d’orchestra come Maazel, Brott, Kabaretti, Tiboris, Reck, Weikert, Veronesi, Bacalov, Renzetti, Medina, Aprea, Palumbo, Marvulli, Ciacci. Da Ottobre 2009 ad Agosto 2018 è stata professore dell’Orchestra della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari. Attualmente è docente di ruolo presso l’I.C. Ungaretti - M. T. di Calcutta di Manfredonia.

Vito della Valle di Pompei, pianista

Conclude il percorso di studi presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari con il massimo dei voti e la lode, sotto l’alta guida del M° Valfrido Ferrari. Prosegue gli studi pianistici presso lo stesso Conservatorio di musica conseguendo il Diploma Accademico di II livello, indirizzo solistico, con il massimo dei voti e la lode, il Diploma in Didattica della Musica e il II livello in Biennio per la formazione di docenti di strumento musicale, con il massimo dei voti. Sensibile alle problematiche compositive studia Composizione con il M° Biagio Putignano.

Vincitore in numerosi concorsi, ha avuto modo di farsi apprezzare sia in qualità di pianista solista che come componente di varie formazioni cameristiche, invitato da prestigiose Associazioni, Enti e Fondazioni musicali.

Dal 2006 al 2012 è stato direttore artistico del “Concorso nazionale Giovani Musicisti Città di Giovinazzo”.

Attualmente è docente di Pianoforte nella Scuola Secondaria di I grado “Sylos” di Bitonto.

Nicola Petruzzella, direttore

Nato nel 1991, ha avuto i suoi primi contatti con la musica attraverso lo studio del pianoforte. Ha conseguito il Diploma in canto lirico con il massimo dei voti, il Diploma accademico di I livello in pianoforte e il Diploma accademico di II livello in Musica vocale da camera con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio “Piccinni” di Bari. Ha conseguito come cantante alcuni premi in competizioni nazionali ed internazionali. Ha cantato i ruoli di Creonte nell’ “Antigone” di Traetta (direttore C. Morejano), Ruggiero ne “La liberazione di Ruggiero dall’isola di Alcina” di Francesca Caccini presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara, il Teatro Palladium di Roma e all’Ateneo di Bari (direttore E. Sartori), Giannino ne “Le serve rivali” di Traetta al Teatro Traetta (direttore V. Clemente). Ha preso parte ad alcune produzioni, in ensamble, nei teatri di Lucca, Ravenna e al Rossini Opera Festival. Ha cantato in numerose città italiane ed in ensambles di musica barocca (Venezia, Ravenna, Bolzano, Roma, Trani, Bari ecc.). Dirige la Schola cantorum “Harmonia mundi” ed è organista presso la Chiesa di San Bernardino in Molfetta. Dal 2014 è direttore del coro polifonico “Luigi Capotorti”. Lavora come Maestro collaboratore alla sopratitolatura presso il Teatro Petruzzelli di Bari. Ha diretto il coro di voci bianche Caffarelli del Teatro Traetta. Attualmente sta completando gli studi di composizione con il M° Davide Remigio presso il Conservatorio Piccinni di Bari.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet