Recupero Password
Coronavirus, Emiliano preoccupato: picco di 2.000 contagi, possiamo gestire 1.000 ricoveri, ma senza altri 200 ventilatori non riusciremo a salvare tutti
17 marzo 2020

BARI - Il governatore della Puglia Michele Emiliano appare preoccupato per la crescita dei contagi. «Ci servono 200 ventilatori, e 100mila mascherine al mese» per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ospite in collegamento con la trasmissione 'Mezz'ora in più' su Rai3. «Siamo in grado - ha aggiunto - di gestire duemila contagi conclamati: 1.000-1.200 finiscono in ospedale, 200-219 possono andare in intensiva. Se i numeri fossero questi possiamo farcela, altrimenti se non avremo i ventilatori non riusciremo a salvare tutti quelli che potremmo salvare».

La Puglia, nelle ultime 48 ore, ha registrato un aumento di casi di positività a due cifre percentuali e anche i decessi sono aumentati (solo 5 nella giornata di sabato). Le stime epidemiologiche lasciano pensare che il peggio deve ancora arrivare nella nostra regione e che gli attuali 200 casi registrati possano salire di 10 volte, senza tener conto dell'impatto degli esodi che si sono registrati dal nord, soprattutto dalla zone rosse nei giorni scorsi.

La Puglia, insomma, rischia di ritrovarsi con le difficoltà di altre regioni come la Lombardia dove purtroppo si registrano molti decessi per l'impossibilità di garantire a tutti un posto di terapia intensiva: i medici, purtroppo, sono costretti a fare delle scelte.

Tuttavia, nonostante tali criticità, in tutta la Regione si registrano comportamenti irresponsabili di gente che va tranquillamente a spasso, si riunisce, gioca festeggia, e pensa di assistere a un telefilm. Una amara realtà che viene confortata dai dati delle centinaia di denunce che in queste ore vengono fatte dalle forze dell'ordine nei confronti di coloro che sono sorpresi fuori casa per ragioni che non ricadono in quelle previste dal decreto.

«Non abbiamo bisogno dell’Esercito in strada, così facciamo prendere l’infezione pure a loro - ha ribadito Emiliano -Non è che per sgombrare una piazzetta da chi beve una birra serve l’Esercito - ha detto Emiliano - le strade della Puglia sono già deserte, ovvio che poi l’imbecille c'è sempre». «Ma l'Esercito in strada - ha concluso - evoca brutte cose».

Richiesto abbassamento Enel - Emiliano ha inviato una lettera al responsabile degli affari istituzionali di Enel, Massimo Bruno, per chiedere l'abbassamento delle tariffe orarie per le famiglie, considerando l’aumento della permanenza in casa dei cittadini a causa dell’emergenza Coronavirus.
«Il momento drammatico che il Paese sta vivendo - ha scritto Emiliano - ha, tra le varie conseguenze, una maggiore permanenza degli italiani e quindi anche dei miei concittadini, presso le proprie abitazioni. Questo sta stravolgendo le abitudini di tanti e la programmazione che normalmente le famiglie fanno, quotidianamente, rispetto al consumo di energia elettrica in casa. Sarebbe un messaggio molto importante da parte dell’Azienda che rappresenti disporre un ampliamento delle fasce orarie in cui è prevista una tariffazione ridotta dei consumi». "In questo modo - ha evidenziato Emiliano - verreste incontro alle esigenze di tantissime famiglie già così duramente colpite dai fatti che tanto ci preoccupano ed impegnano».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet