Recupero Password
Convegno questa sera a Molfetta per non dimenticare gli orrori dell’olocausto e i molfettesi nei campi di concentramento
26 gennaio 2019

 MOLFETTA – Questa sera l’Associazione Eredi della Storia-ANMIG di Molfetta, con la collaborazione delle associazioni combattentistiche e d’arma organizza, presso la Sala Turtur in via Preti, 19, un convegno sul tema dell’Olocausto, dal titolo: “Le ragioni della Shoah e i suoi oscuri “perché?”.

Durante il convegno-dibattito saranno proiettate immagini e filmati inerenti al percorso socio-politico che portò alla trasformazione di un essere umano (coi suoi diritti e privilegi) ad un numero se non ad una “cosa”. Un viaggio attraverso i meandri dei palazzi di governo dove furono prese decisioni estreme e orribili che portarono alla cosiddetta “Soluzione Finale”, con la descrizione dei personaggi, protagonisti di azioni e scelte inumane! Tutto questo per spiegare come l’Uomo riesca a essere il peggior nemico di se stesso!

I relatori del convegno saranno il dott. Michele Spadavecchia, presidente dell’associazione Eredi della Storia e il prof. Giuseppe Maria Mezzina, moderatore il dott. Michele La Grasta.

Inoltre nell’atrio di Palazzo Turtur verranno esposti dei pannelli fotografici, che ritraggono i molfettesi internati e caduti nei lager nazisti.

Domani, domenica 27 gennaio alle ore 11, la sede museale dell’associazione mutilati e invalidi di guerra, in piazza G. Mazzini, rimarrà aperta fino a tarda mattinata per permettere alla cittadinanza di visionare filmati e fotografie inedite riguardanti quelle atrocità.

Tra i caduti molfettesi nei lager ricordiamo: Abatangelo Basilio, anni 24; Allegretta Vito anni, 20; Amato Corrado anni, 22; Camporeale Giuseppe, anni 28; Centrone Domenico, anni 23; De Cesare Giovanni, anni 33; de Robertis Giambattista, anni 32; Fontana Nicolò, anni 44; Giovine Giuseppe, anni 32; Lazzizzera Pietro, anni 22; Mazzola Giuseppe, anni 28; Morolla Luigi, anni 51; Pappagallo Antonio, anni 25; Pellicani Corrado, anni 21; Pierro Mario, anni 20; Pisani Michele, anni 48; Porcelli Giuseppe, anni 22; Spadavecchia Bartolomeo, anni 24; Tonita Angelo.

Domenica mattina in piazza Mazzini verranno esposte delle foto di ebrei molfettesi e anche la storia di due cittadini Salvemini e Raguseo che durante la guerra trasportarono in salvo in Israele con il loro peschereccio

tanti ebrei di Puglia. Per queste operazioni furono anche imprigionati. Al termine della guerra Salvemini restò in Sud Africa, mentre Raguseo tornò a Molfetta, dove continuò l’attività cantieristica.

                  

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet