Consiglio Comunale di Molfetta: fumata bianca per un ordine del giorno unitario sul piano di riordino ospedaliero
14 novembre 2017

MOLFETTA – In un'aula praticamente deserta, ormai in piena notte (il Consiglio comunale è terminato alle 4.20 di questa mattina), è stato discusso e approvato – finalmente all'unanimità – un ordine del giorno per la modifica del piano di riordino ospedaliero.

Ampia e articolata la discussione che, a detta di diversi consiglieri di opposizione (Natalicchio, Porta, Pisani), poteva avvenire nel precedente Consiglio comunale, quando la massima assise cittadina si era confrontata sull'ordine del giorno proposto dal consigliere di maggioranza Nicola La Forgia, rinviando, invece, quello proposto dall'opposizione.

Questa volta è stata raggiunta una intesa che ha tenuto conto dei punti di vista delle diverse anime del Consiglio comunale.

Tutto è partito dalla discussione di un ordine del giorno proposto dall'opposizione. La prima firmataria è stata la consigliera Paola Natalicchio ma, come lei stessa ha tenuto a precisare, il documento è scaturito da un lavoro unitario, dalla collaborazione proficua con l'opposizione di destra. L'intento era indubbiamente quello di giungere a una ricomposizione della classe politica cittadina che, a differenza di quanto accaduto in altri Comuni, non ha mostrato coesione nella difesa del nosocomio cittadino.

Perché l'opposizione aveva espresso voto contrario all'o.d.g. proposto dalla maggioranza? La consigliera Natalicchio ha affermato che la proposta del consigliere La Forgia faceva un generico riferimento a una raccolta firme, di cui non si conoscevano le modalità di svolgimento e non proponeva espressamente il nosocomio molfettese quale struttura nella quale realizzare l'ospedale unico del nord barese.

La consigliera Isa De Bari, nel suo intervento ha sottolineato come la massima assise cittadina abbia il dovere di «difendere un ospedale unico del nordbarese, in qualunque ordinamento (pubblico, privato e pubblica, consorziale...)» aggiungendo che ha il dovere di chiedere un servizio al passo con i tempi, in merito alle tecnologie e ai modelli organizzativi. La consigliera De Bari ha, dunque, proposto di «dare mandato a un legale di impugnare la delibera regionale di riordino ospedaliero che prevede l'inserimento del presidio ospedaliero don Tonino Bello tra i 10 ospedali di base, essendo tale declassamento altamente lesivo degli interessi di questa comunità».

Nel corso degli interventi si è discusso anche del nuovo ospedale del nord barese – fascia adriatica (struttura presente nella delibera regionale ma non finanziata). «Tra Molfetta e Bisceglie – ha rimarcato la consigliera De Bari – ci sono tutte le condizioni, c'è una progettualità avanzata, c'è un bisogno di salute pubblica, c'è la logistica, c'è la viabilità».

Dopo ulteriori confronti e sospensioni,il documento della maggioranza è stato integrato con quello proposto dall'opposizione, impegnando l'amministrazione ad avanzare alla Regione Puglia tre richieste.

La prima è quella di non trasferire all'ospedale San Paolo il reparto di urologia, di non trasferire a Corato quello di cardiologia, mantenendo anche la funzionalità dei reparti di chirurgia e nefrologia aggregati alla Medicina nonché dell'ambulatorio pediatrico e di tutti i servizi attivi.

La seconda è la richiesta della modifica della delibera di approvazione del piano di riordino, auspicando l'impegno finanziario di realizzare a Molfetta l'ospedale di primo livello, nelle more della istituzione dell'ospedale unico del nord barese.

La terza richiesta, infine, è quella di potenziare i servizi territoriali di base (geriatria, fisiatria ecc).

@Riproduzione riservata

Autore: Isabella de Pinto
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997-2017
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet