Recupero Password
Consiglio comunale di Molfetta: approvata la variante al PRGC per l'ampliamento del cimitero Dibattito sereno su un punto così importante per la città. Toni più accesi nella fase delle raccomandazioni e degli interventi per fatto grave
27 gennaio 2018

MOLFETTA – Ennesima seduta fiume del Consiglio comunale, quella tenutasi ieri. Ma procediamo per gradi. Il Consiglio si è aperto con una serie di raccomandazioni e di interventi per fatto grave.

La prima raccomandazione è stata posta dalla consigliera Paola Natalicchio che ha invitato il Sindaco e l'Amministrazione a contattare nelle prossime ore, in occasione della Giornata della Memoria, Piero Terracina, testimone della Shoah, al quale proprio l'amministrazione Natalicchio conferì qualche anno fa la cittadinanza onoraria molfettese. Negli anni successivi, in occasione della giornata della memoria, l'amministrazione aveva provveduto a contattarlo, ottenendo dei messaggi dedicato specificatamente ai suoi concittadini molfettesi per il 27 gennaio, avviato percorsi di sensibilizzazione della città e organizzato viaggi della memoria con gli istituti scolastici.

La consigliera Natalicchio ha, dunque, invitato l'amministrazione a contattare Terracina per coinvolgerlo in iniziative legate alla giornata della memoria.

Successivamente la stessa consigliera di opposizione ha evidenziato due “fatti gravi”. Il primo è stato incentrato sullo stato delle aree ludiche della nostra città, in primis piazzetta Giovene, dove è stata danneggiata e rimossa la casetta, altalene danneggiate. Situazioni simili si rinvengono in altre zone della città, ad esempio parco di Levante. La consigliera Natalicchio ha invitato a riparare le strutture già esistenti, prima di inaugurarne di nuove ed ha, inoltre, evidenziato lo stallo nella realizzazione del museo esperienziale per i bambini e le bambine previsto nell'ex cementificio De Gennaro.

Nel secondo intervento per fatto grave ha evidenziato come l'ARCA (ex Iacp – n.d.r.) stia venendo meno alla promessa di edificazione di nuove palazzine nel quartiere Madonna dei Martiri, asserendo che non ci sono fondi per la costruzione di palazzine popolari. Ha invitato, dunque, il sindaco Tommaso Minervini a chiedere immediatamente i lavori di manutenzione straordinaria alle palazzine che non sono state ristrutturate perché ne era previsto l'abbattimento nonché di convocare urgentemente un incontro con l'ARCA e l'assessorato regionale competente.

Il consigliere Pino Amato ha chiesto chiarimenti in merito alle dichiarazioni circolate a mezzo stampa della presa di distanza dal Sindaco e dall'amministrazione da parte di «una lista che fa parte della maggioranza, che ha espresso due consiglieri e un assessore». Le precisazioni in merito sono state fornite dal presidente del Consiglio comunale Nicola Piergiovanni, il quale ha rimarcato che nella seduta dei capigruppo il consigliere De Candia ha confermato il sostegno all'amministrazione e alla maggioranza del gruppo consigliare.

Il consigliere Fulvio Spadavecchia ha messo in evidenza che da oltre un anno i servizi igienici in piazza Vittorio Emanuele non sono fruibili a causa di danneggiamenti provocati dalle radici degli alberi che hanno invaso le canalizzazioni fognarie.

Chiarimenti sullo stato della gara relativa al servizio di selezione di materiale proveniente da raccolta differenziata di rifiuti sono stati richiesti dal consigliere Antonello Pisani, il quale ha evidenziato che, secondo il bando, le offerte dovevano pervenire entro il 5 gennaio e l'apertura delle buste doveva tenersi il 9 gennaio ma ad oggi non sono state rese note ulteriori notize.

Dopo questa prima fase e gli adempimenti burocratici (approvazione verbali delle precedenti sedute) il Consiglio è entrato nel vivo con l'approvazione del gemellaggio con la contea di Wei, di cui "Quindici" si è occupato in un altro articolo.

Il successivo punto all'ordine del giorno ha riguardato l'approvazione della variante al Piano regolatore generale relativa al progetto di ampliamento del cimitero, chiudendo, in pratica, il procedimento avviato nel 2017: non essendo pervenute osservazioni si è potuto procedere all'approvazione della variante urbanistica.

L'assessore Mariano Caputo ha confermato che si sta procedendo per giungere in tempi brevissimi alla disponibilità di 880 loculi mentre gli uffici stanno provvedendo a contattare le famiglie dei defunti depositati.

La consigliera Natalicchio ha ricordato la necessità di realizzare una sala per il commiato laico e una struttura per la cremazione.

Al termine della discussione il provvedimento è stato approvato all'unanimità.

@Riproduzione riservata

Autore: Isabella de Pinto
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet