Recupero Password
Consegnate a Molfetta le borse di studio dall’associazione “Corrado Poli per i giovani”: personalità intramontabili da esempio per i giovani
Nicola Poli
30 settembre 2018

MOLFETTA - Afferrare la giovinezza, combattere l’ansia del futuro e aprirsi alla vita è più semplice grazie all’aura luminosa del mondo greco e di quello latino. Lo sapeva bene Corrado Poli, (studente morto precocemente a causa di malattia), che aveva frequentato la IIIB del Liceo Classico “Leonardo da Vinci” di Molfetta (a.s. 1982-1983) e che aveva scelto di proseguire gli studi nel campo farmaceutico. Ma che si era distinto soprattutto per la sua sensibilità, per la sua spiccata voglia di conoscere e per il suo forte interesse per il teatro e per la musica.

«Sono questi gli eroi del tempo» proclama il prof. Ninuccio Sallustio, che è tornato tra le mura del Liceo Classico assieme alla collega Anna Chirico per un’occasione speciale.

Infatti sono eroi anche i compagni di classe di Corrado, i quali, accomunati dalla ferma volontà di tradurre la memoria di una persona cara in un presente agito, hanno fondato l’associazione “Corrado Poli per i giovani”, anche grazie alla cooperazione con la famiglia Poli e con l’Ordine dei Farmacisti della Regione Puglia. Il traguardo ha dato vita a delle borse di studio destinate a due studentesse, scelte dall’apposita commissione, particolarmente distintesi nelle materie scientifiche, linguistiche, artistiche e in ambito musicale e ad una menzione speciale per un’altra studentessa meritevole per via degli stessi requisiti.

La cerimonia di consegna delle borse di studio che si è tenuta nella biblioteca del Liceo Classico ha preso il via con la più forte delle passioni di Corrado, la musica. E in particolare con una performance toccante curata dall’ensemble musicale composto dalla voce recitante di Claudio Maurantonio, dalle percussioni di Vincenzo De Leo, dal violino di Katerina Nesta, dalla fisarmonica di Tiziano Zanzarella, dalla viola da gamba di Paola La Forgia e dal sax di Isabella Amato e di Giuseppe Chiapparino.

Ma si è trattato di un momento pregnante di significato per tutti i presenti: per chi carico di ricordi, per chi colmo di speranze. Tra i primi rientra sicuramente l’arch. Nicola Poli, fratello di Corrado, emozionato perché il ricordo del suo più vicino familiare è avvenuto nella collettività. Quella nata proprio dagli amici e dai compagni di Corrado, di cui si è fatto portavoce il prof. Emmanuele Colonna, servitosi della metafora del tessuto i cui fili sono annodati dalla trama di pochi ma fondamentali elementi. Gli stessi che hanno racchiuso in un filmato la simpatia di Corrado, la sua disponibilità verso gli altri, la sua personalità anticonvenzionale, la sua libertà dai pregiudizi e che non dimenticano che il farmacista molfettese “De ngìele ng’acchiémende!”.

 L’affetto verso Corrado è stato espresso anche tramite una poesia in dialetto dedicatagli e letta durante la manifestazione, nella quale è intervenuto anche il dott. Beppe Mezzina a rappresentare l’Ordine dei Farmacisti, coinvolto per la prima volta in un contributo concreto per un collega defunto.

Quel contributo di cui usufruiranno Raffaella Chiapperino, frequentante la III B del Liceo Classico, Aurora Morgigno e Claudia Gadaleta, diplomatesi presso il Liceo nell’a.s. 2017-2018. Tutte e tre giovani studentesse che hanno dichiarato di voler fare della cultura il proprio modus vivendi attraverso la curiosità istillata loro dalla scuola frequentata e dalle discipline trattate; e soprattutto decise a voler contribuire con il proprio apporto a salvare l’Italia dalla fuga di cervelli che sta riguardando i giovani negli ultimi anni.

«La riflessione su determinati valori ci permette di far tornare in mezzo a noi chi ci ha fatto star bene e può farci stare ancora bene con i suoi insegnamenti di vita» così si è espressa la dirigente scolastica Anna Margherita Bufi, alle cui parole è seguita una serie di ringraziamenti.

Ringraziamenti ai compagni, che vale la pena nominare tutti (Maria Spadavecchia, Lillino Calvario, Sergio Camporeale, Rita Capurso, Mari Grazia Casamassima, Marta Cirilli, Manù Colonna, Antonietta Cozzoli, Sandra Curto, Rosaria Falca, Marianna La Grasta, Antonella Marolla, Mauro Maurantonio, Beppe Mezzina, Maria Pia Piscitelli, Giuseppe Salvemini, Maria Salvemini, Roberto Spalluto, Paolo Viesti); ai familiari, all’Ordine dei Farmacisti, al Museo Diocesano per la viva adesione all’associazione; alla dirigente scolastica per l’interesse mostrato per l’iniziativa; alla prof.ssa Emilia de Ceglia per il contributo ai lavori della commissione; alla prof.ssa Maddalena Salvemini per averne gestito l’apparato comunicativo; all’azienda editrice “L’ Immagine” per aver sponsorizzato l’evento.

Ecco il segno di come, raccolta una testimonianza di vita, la si fa propria. E la si fa dei giovani per cui Corrado Poli resterà un grande esempio.

© Riproduzione riservata

 

Autore: Sara Fiumefreddo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet