Recupero Password
Condannato l’ex senatore Azzollini di Molfetta per il crac della Divina Provvidenza Un anno e tre mesi di reclusione, pena sospesa, per l'ex esponente di Forza Italia. Altri 10 imputati condannati a pene tra i 7 anni e gli 8 mesi
L'ex senatore di Forza Italia Antonio Azzollini
29 gennaio 2020

MOLFETTA -  Condannato l’ex senatore di Forza Italia di Molfetta Antonio Azzollini per il crac della Divina Provvidenza di Bisceglie.

Ne dà notizia “La Gazzetta del Mezzogiorno” nella edizione on line, che riportiamo integralmente:

«Il Tribunale di Trani ha condannato l'ex senatore di Forza Italia Antonio Azzollini ad 1 anno e 3 mesi di reclusione (pena sospesa) per il reato di concorso in bancarotta semplice per mancata tempestiva richiesta di fallimento, con l’aggravante del danno patrimoniale di rilevante gravità, al termine del processo sul crac da 500 milioni (rpt, 500 milioni) di euro dell’ente ecclesiastico Casa della Divina Provvidenza di Bisceglie, ora in regime di amministrazione straordinaria.
Azzollini, all’epoca dei fatti presidente della Commissione Bilancio del Senato, è stato assolto dai reati di induzione indebita a dare o promettere utilità e di bancarotta fraudolenta patrimoniale «perché il fatto non sussiste». Come pena accessoria Azzollini è stato dichiarato «inabilitato all’esercizio di una impresa commerciale» per sei mesi e "incapace per la stessa durata ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa». Oltre Azzollini, altri dieci imputati sono stati condannati a pene comprese tra i 7 anni e gli 8 mesi di reclusione.

QUATTRO TESTIMONI - Il Tribunale di Trani, nella sentenza sul crac della Casa della Divina Provvidenza, ha ordinato la trasmissione degli atti alla Procura per falsa testimonianza a carico di quattro persone, dipendenti e consulenti della struttura sentiti durante il processo e che, secondo i giudici, avrebbero mentito. Si tratta di Antonio e Attilio Lo Gatto, padre e figlio, Ciro Dattoli, tutti e tre ex dipendenti dell’ente ecclesiastico e dell’ex consulente Nicola Pappalettera.

In particolare, i Lo Gatto erano ritenuti i grandi accusatori dell’ex senatore Antonio Azzollini, condannato in questo processo per bancarotta semplice alla pena di 1 anno e 3 mesi di reclusione e assolto dalla bancarotta fraudolenta e dal reato di induzione indebita. Quest’ultima accusa riguardava un presunto "atteggiamento di prevaricazione» dalla «portata intimidatoria" di Azzollini sull'allora madre superiora, con la frase «da oggi in poi comando io, se no, vi piscio in bocca» che - stando al racconto dei due testimoni Lo Gatto - sarebbe stata pronunciata nel 2009 dall’ex senatore di Forza Italia. Vicenda che oggi il Tribunale ha giudicato insussistente, assolvendo Azzollini in questo caso».

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet