Recupero Password
Come cambiano i modi di dire
22 dicembre 2020

 A quanto mi ricordo, escludendo i proverbi e le frasi in italiano greco e latino, studiate ai tempi lontani del liceo, la prima delle frasi ricorrenti e di moda è stata ‘nella misura in cui’ datata maggio 68, in voga nei corridoi della università statale di Milano. Veniva profferita accanto ad espressioni verbali analoghe tipo ‘una certa ‘politica’ ed ‘un mutamento radicale’ accompagnata quest’ultima da un colpo dato col taglio della mano destra sul palmo della sinistra aperto. Poi c’era la ‘massificazione’ la ‘critica è l’impegno politico sociale’. Contemporaneamente a Molfetta circolava il fatidico “non è cosa”.

 Eravamo ai tempi in cui Marcuse la faceva da padrone insieme a Freud e Marx. ’la cattiva coscienza, il senso di colpa’ e la coscienza di classe erano i pilastri di molti discorsi e scambi di idee.

 Con il  ‘riflusso’ le cose cambiarono, finiti gli anni di piombo, venne di moda la ‘Milano da bere’ le tensioni diminuirono, i rapporti si ammorbidirono e si cominciò a circolare più pacifico ‘secondo me’ ‘a mio modo di vederel’edonismo reganiano e il ‘disimpegno’ cui fecero seguito il ‘cioè’ seguito dalla parola che non riferisco e più tardi l’ ‘attimino’ che aleggiava nelle stanze di canale 5 insieme al va bene e Venazia e biciclatta, invece di va bene, Venezia e bicicletta con le e aperte secondo l’insegnamento (male inteso e ripetuto)  delle buone scuole di dizione, mentre a Molfetta, in particolare, volava il discorsivo ‘a dire è niente’.

Ultimamente a causa del dominio degli istituti di credito è stata mutuata dal linguaggio bancario la terribile ‘a breva’ cioè invece di ‘ci vediamo più tardi’ abbiamo cominciata a dire ‘ci vediamo a breve', questo però tipico degli appartenenti alle classi medie e del ceto impiegatizio che si liberava delle sfumature o analogie profferendo indiscriminatamente insieme il tragico, rassicurante, fantozziano ‘quant’altro’.

Non dimentichiamo spalmare, dove (come avverbio di tempo e non di luogo) e piuttosto che.

Per non sembrare presuntuoso, infine, anch’io non so come, non so perché,

mi svegliai una mattina che avevo in mente un’assolutamente sì divenuto poi l’ultimo cult verbale di questi tempi. Mentre ero riuscito a prendere le distanze dai precedenti ‘slogan’ suindicati, questa volta… eh! Evidentemente gli anni si fanno sentire!!!!

Maurizio Sancilio

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet