Recupero Password
Colto e mangiato, successo dell’iniziativa dell’Auser Molfetta piccoli ortisti crescono
22 luglio 2021

MOLFETTA - Braccia sottratte all’agricoltura. E no, sfatiamo un luogo comune! Braccia prestate all’agricoltura, è il caso di dire, perché questo è stato e sarà “Colto e mangiato”. What is this?

Colto e mangiato nasce da un’iniziativa dell’Associazione Auser che, col patrocinio del Comune di Molfetta, promuove attività di aggregazione e scambi intergenerazionali, fondamentali per trasferire abilità e competenze tra giovani e meno giovani. E questo è stato!

E da redattrice diligente, sono scesa letteralmente in campo per raccontare quest’esperienza. Guidati dall’esperta agronoma dott.ssa Francesca Petruzzella, con la presenza costante del presidente Auser dott. Sebastiano Gadaleta e la referente del progetto dott.ssa Virginia Fiumefreddo, assistiti dalla dott.ssa Enza Cocozza, referente per il Comune di Molfetta di Città Sane, cittadini stranieri dell’associazione Inco, genitori e ragazzi appartenenti ad associazioni di volontariato per l’integrazione di persone con disabilità, cittadini iscrittisi al progetto, come la vostra inviata, si sono letteralmente immersi in quello che, almeno per la sottoscritta, era un modo per tornare a vivere il tempo all’aria aperta, convinta, durante giorni di autostima al massimo, di poter far tutto, anche riuscire a ricavare dai semini, una produzione agricola che garantisse l’autosufficienza con facilità, andando direttamente “sul campo”.

Il progetto ha previsto che, le lezioni pratiche, fossero precedute da lezioni teoriche, svolte prevalentemente, attraverso piattaforma Zoom per rispettare le limitazioni imposte da norme anti Covid. Ma poi… pronti e al lavoro, a zappare! Ciascun ortista dopo l’assegnazione di uno spazio nell’area verde che circonda la sede comunale di Lama Scotella, ha proceduto all’estirpazione di erbe infestanti, ad alloggiare piantine e semi, sotto la supervisione della dott.ssa Francesca Petruzzella, il tutto avvalendosi di attrezzi agricoli sconosciuti alla sottoscritta, rimasta alla conoscenza del secchiello e raschietto da spiaggia. Ma la pazienza e la perseveranza di “maestra Francesca”, come affettuosamente chiamata da noi ortisti, ha fatto sì che tutti fossimo gratificati dalla produzione di fagiolini, peperoni, pomodori, melanzane. E mai ortaggi ebbero sapore più buono, più genuino, un sapore dato dall’aver vissuto tutte le fasi di una nascita attesa, consapevoli delle difficoltà, dei rallentamenti, di quanto ancora non attribuiamo il dovuto rispetto a madre natura, di quanto diamo per scontati questi doni.

Ma chi la dura, la vince ed alla fine i risultati meritavano una festa. E così fu. Negli stessi spazi antistanti la sede comunale di Lama Scotella, i prodotti del progetto hanno svolto il ruolo da protagonisti nella festa di fine raccolto estivo. Preparati dalle sapienti mani dei soci AUSER, i prodotti sono stati il trionfo di quella arte culinaria semplice e genuina, che ha vissuto meritati momenti di protagonismo. E tutto ha acquisito un sapore particolare, quello della convivialità, quello in cui anche il sindaco Tommaso Minervini e l’assessore all’Ambiente e al Verde Maridda Poli, si sono immersi in quello che, sulla carta, sarebbe stato un impegno istituzionale, ma che è diventato una reunion di compagni, grazie alla degustazione dei piatti della tradizione.

E come direbbero i redattori, quelli importanti, i risultati sono andati ogni oltre aspettativa. Progetto rinnovato fino ad ottobre 2022. Perché quando cominci, non riesci a smettere.

Parola di ortista.

© Riproduzione riservata 

Autore: Beatrice Trogu
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet