Recupero Password
Chiusura della dogana a Molfetta: Rifondazione chiede chiarimenti
25 febbraio 2019

 MOLFETTA – Rifondazione comunista di Molfetta interviene sulla soppressione della dogana: «Abbiamo appreso dalla stampa la notizia della imminente cessazione del presidio permanente della dogana presente a Molfetta.
E così Molfetta, dopo la chiusura della sede del tribunale, quella del presidio locale dell'Italgas, dopo i venti burrascosi che spirano sull’ospedale, perderebbe l’ennesima istituzione con danno notevole per le imprese del ricco tessuto imprenditoriale cittadino e dei Comuni limitrofi (Ruvo, Giovinazzo, Terlizzi e Bitonto), per i lavoratori della portualità, per la nautica da diporto e per la cittadinanza che per il disbrigo di pratiche doganali lungo il litorale saranno probabilmente costretti a rivolgersi altrove.
Si sta procedendo come già fatto per Trani la cui dogana fu dapprima “temporaneamente” dimagrita, con apertura a richiesta a partire da gennaio 2017 da parte della dogana di Barletta, ed infine completamente assorbita da quest’ultima dogana a partire dal 30 giugno scorso.
Quali le vere motivazioni di questa chiusura?
Troppi i costi gestionali e troppo scarso il volume dei traffici per giustificare la presenza di un presidio stabile della dogana Molfetta? 
Ci pare strano, tuttavia, visto il continuo andiriveni di camion riscontrato nell’ultimo anno lungo il sedime portuale di Molfetta, che pure ci ha portato ad assumere delle iniziative per regolamentarlo.
Inoltre, ad oggi, l’edifico ove risulta ubicata l'Agenzia delle dogane di Molfetta, sito in rione Catecombe, è stato dato in comodato d’uso gratuito dal Comune di Molfetta per cui l’amministrazione doganale non è tenuta a sborsare un centesimo.
Ciò detto, anche a seguito della “kermesse” che ha avuto luogo venerdì nella quale il sindaco ha indossato le vesti di grande anfitrione della portualità molfettese, impaziente di aprire cantieri senza porsi il problema della sostenibilità economico-finanziaria dei suoi progetti (la storia si ripete in forma di farsa...), la città è ansiosa di conoscere le iniziative che l’amministrazione Minervini intenda assumere per scongiurare l’esito infausto, che deriverebbe in special modo alla comunità portuale molfettese, dalla chiusura imminente della dogana di Molfetta seppur camuffata come “dogana a chiamata”».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet