Recupero Password
Brutta figura di Salvini che cita Molfetta in un tweet per elogiare i pompieri che salvano un cucciolo. Replica di Delprete: i volontari a Lampedusa salvano i cuccioli di migrante
Il tweet di Salvini e la risposta di Delprete
23 giugno 2019

 MOLFETTA – Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha rimediato un’altra figura barbina, con uno dei tanti tweet quotidiani, citando Molfetta e ricevendo una degna risposta da Fabrizio Delprete, scrittore e politico.

Salvini elogia i vigili del fuoco di Molfetta per aver salvato un cagnolino: «A Molfetta i Vigili del Fuoco hanno tratto in salvo un tenerissimo cucciolo, guardate che bello. Fantastici i nostri pompieri, sempre presenti quando c’è bisogno di loro».

Senza nulla togliere all’opera meritoria dei pompieri, ma Delprete gli replica a tono: «A Lampedusa i nostri volontari hanno tratto come sempre in salvo dei tenerissimi cuccioli di migrante, guardate che bello. Fantastici i nostri volontari delle ONG». Il post si conclude con il classico saluto salviniano (i bacioni) e con l’invito alla riflessione sul doppiopesismo della morale in alcune circostanze.

La risposta di Fabrizio Del Prete al tweet di Matteo Salvini è diventata virale ed è stata postata in diversi gruppi sui social network, raggiungendo un ottimo numero di interazioni. E mentre la nave Sea Watch resta al largo delle coste di Lampedusa e gli Alarm Phone segnalano altre persone in difficoltà nell’area Sar di Malta, fa un po’ sensazione il fatto che gli unici messaggi a favore dei migranti siano quelli che arrivano dai social network, mentre operativamente le istituzioni si preoccupano di altro.

Insomma, il razzista Salvini ha toppato ancora una volta, dimostrando più attenzione agli animali (che vanno sempre rispettati) che agli uomini. E l’episodio di Molfetta è stata l’occasione per una degna risposta umanitaria a chi dimostra insensibilità umana.
Tra l’altro il leader della Lega Nord sembra passare più il tempo con tweet e selfie che a lavorare al ministero o a Bruxelles.

L’inadeguato ministro dell’interno forse dovrebbe preoccuparsi di più degli esseri umani che muoiono in mare fra la sua indifferenza, che di qualche bestiola salvata dai pompieri. Questo episodio dà la dimensione della sensibilità umana di un politico che anche Papa Francesco si rifiuta di ricevere, perché non si può governare predicando odio e dividendo gli italiani, solo per raccogliere consensi, solo perché non si è capaci di risolvere i problemi reali dell’Italia, che sta precipitando sempre di più verso il disastro economico e politico.
© Riproduzione riservata

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet