Recupero Password
Arrivederci volontari SVE: Eskild Jacobsen e Ainara Galindo tornano a casa dopo aver salutato il Liceo Classico e il Liceo Scientifico di Molfetta
I due volontari con la preside Bufi
08 giugno 2018

MOLFETTA - Si dice che è il volontariato a cambiare la vita, ma talvolta è la vita a cambiare il volontariato. È un tipo speciale di volontariato quello in questione, un volontariato svoltosi in un’istituzione scolastica per l’intero anno 2017-2018, una sperimentazione che ha raggiunto risultati splendidi. È il volontariato di cui si fanno portavoce due giovani, il primo di origine danese, Eskild Kielberg Jacobsen, la seconda di origine spagnola, Ainara Galindo, che hanno salutato la comunità scolastica presso cui sono stati accolti, l’IISS Liceo Classico “Leonardo Da Vinci”- Liceo Scientifico- “Albert Einstein”, nella sala conferenze del Liceo Scientifico.

Portavoce sì, ma non soli: con loro l’intera comunità scolastica, composta da docenti e studenti che porteranno questo arricchimento sempre nel cuore e che sono pronti ad accogliere altrettanto calorosamente, nell’anno scolastico 2018-2019, un ragazzo di origine austriaca e una ragazza di origine serba. «Perchè le porte dei Licei di Molfetta si sono aperte all’Europa» come dichiara la dirigente scolastica, la prof.ssa Anna Margherita Bufi e come possono testimoniare i due volontari SVE, per i quali sarà difficile tornare a casa senza avvertire nostalgia delle scuole che li hanno impegnati su tutti i fronti, ora nelle lezioni in aula, ora nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ora nella giornata della memoria, ora nella notte dei Licei. Sempre con lo stesso spirito: quello dell’inclusione.

Un’inclusione così spontanea da non accorgersene, «un lavoro d’équipe vero e proprio» come sottolinea la prof.ssa Marta Spaccavento, docente referente del progetto per il Liceo Classico assieme alla prof.ssa Rosa de Pinto, referente per il Liceo Scientifico. Entrambe estremamente soddisfatte, quanto tutti i colleghi e quanto Luigi Balacco, il presidente dell’associazione InCo, impegnata nella promozione degli scambi interculturali.

«Abbiamo intitolato questo progetto, che la scuola ha accolto a braccia aperte, “I remember”, proprio per non dimenticare che l’Europa debba essere esente da guerre».

Non lo dimentica certo la comunità scolastica che ha racchiuso in un filmato, curato da Luca Petruzzella di I B del “Leonardo da Vinci”, i momenti salienti del viaggio di Eskild e di Ainara, per cui questo è soltanto un arrivederci. 

Un arrivederci ai posti scoperti, alle esperienze vissute, alla cultura assaporata, ai rapporti instaurati. Un arrivederci ad un’esperienza tanto divertente quanto formativa, di cui faranno senz’altro propaganda una volta tornati a casa. Dove però non si sentiranno così a casa senza che sfugga un pensiero all’Italia, a Molfetta, al Liceo Classico e al Liceo Scientifico, che a loro volta non saranno gli stessi dopo il soggiorno di due giovani che, con la loro diversità, sono riusciti ad insegnare qualcosa a tutti.

«Grazie per questo anno che ci ha cambiato la vita», dichiarano Eskild e Ainara, testimoni di come sia bello ciò che è diverso. Provare per credere. 

© Riproduzione riservata

Autore: Sara Fiumefreddo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2018
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet