Recupero Password
“Appaltopoli”, il sindaco di Molfetta Minervini: “non mi dimetto” e l’opposizione di sinistra (Rifondazione): “fai almeno un passo di lato, autosospenditi”
L'ultima riunione del consiglio comunale a porte chiuse
18 novembre 2020

 MOLFETTA – Chi si aspettava dalla riunione dell’ultimo consiglio comunale una presa di distanza del sindaco Tommaso Minervini dalla vicenda di “Appaltopoli” è rimasto deluso.

Assenti l’assessore ai lavori Pubblici Mariano Caputo e la consigliera dell’opposizione di destra Sara Castriotta (Forza Italia), entrambi dimessisi in seguito alla scandalo, Minervini ha detto che non intende dimettersi, perché «la responsabilità penale è personale e io voglio chiarire il prima possibile una storia pubblica per la quale oggi mi ritrovo a svolgere la funzione di sindaco per un mandato che ho interpretato con l'obbligo del fare e tanto è stato fatto, forse troppo. Il tempo e la serena austerità della giustizia farà emergere la verità sostanziale. Da subito mi sono messo a disposizione anche per garantire la piena agibilità della funzione di sindaco in un grave momento di emergenza sanitaria», si è giustificato non facendo alcun accenno allo stesso Caputo, in pratica sembra essere stato scaricato da tutti, forse per prendere le distanze in un a situazione imbarazzante, dove ognuno cerca di salvare le proprie posizioni.

A chiedergli di lasciare erano state le opposizioni di destra e di sinistra. In particolare Rifondazione comunista con Beppe Zanna e Paola de Candia che si è chiedono come sia possibile concedere ancora fiducia a Minervini che la chiede solo per se stesso.

«Un classico consiglio comunale dell'era Minervini, ritagliato sulle esigenze dell’esecutivo, convocato, quasi con fastidio, soltanto per rispettare alcune scadenze di bilancio.
Come sempre le prerogative del consiglio vengono disattese e ignorate – è il commento di Rifondazione -.
Infatti due interpellanze, una sulle urbanizzazioni del comparto 17, l’altra sugli impianti pubblicitari a led e a video, benché protocollate più sei mesi fa, non sono state ancora discusse in consiglio comunale.
Non sappiamo, per esempio, ancora perché nel comparto 17 uno spazio che sarebbe dovuto diventare un parco, ora è una discarica a cielo aperto, con grave rischio per la salute dei cittadini residenti.
Per non parlare del nuovo regolamento del Consiglio comunale, ormai da tempo licenziato da parte della terza commissione, ma nel limbo da mesi.
Ma il sindaco chiede fiducia, soltanto per se stesso, senza neanche nominare il dimissionato assessore, nonostante la pioggia di avvisi di garanzia che si è abbattuta, non solo su esponenti politici, ma anche sulla macchina amministrativa.
Bontà sua, si mette a disposizione della magistratura (che altro avrebbe potuto fare), ma rimane al suo posto incollato alla poltrona.
Invece oggettivamente le indagini della magistratura hanno depotenziato definitivamente l’azione politica della maggioranza e del sindaco.
Purtroppo questa legge elettorale maggioritaria, ammalata di personalismi, fa coincidere la persona con l’istituzione.
Per questo, consapevoli di quanto sarebbe dannoso il ritorno di un commissario in caso di dimissioni, chiediamo al sindaco di fare un passo di lato, con una autosospensione a garanzia della città e della sua persona.
Il sindaco si dichiara sereno ma non la sua maggioranza, in cui i gruppi consiliari si moltiplicano ogni giorno che passa.
Un sindaco depotenziato e una maggioranza divisa e litigiosa partoriscono un bilancio all’insegna del galleggiamento, che evidenzia problemi ma non propone soluzioni.
Paradossalmente quello che in questo anno abbiamo sempre e puntualmente denunciato, dentro e fuori dalla aule del palazzo di Città, ce lo siamo ritrovati scritto e raccontato, nero su bianco, nei documenti finanziari in approvazione nel Consiglio di ieri.
E’ il caso dell’entrata dell’Asm nella Sanb, ma a quali condizioni, con quali tutele per i lavoratori non si sa, l’amministrazione si limita a registrare il problema.
È stato affidato un incarico per quantificare il valore dell’Asm, ma i patti parasociali che dovrebbero regolare i rapporti tra Asm e Sanb a che punto sono? Non é dato saperlo.
Smart che più smart non si può».

Sul consiglio comunale "Quindici" pubblicherà un articolo ad hoc raccontando i fatti nei particolari, mentre in edicola trovare il numero della rivista mensile con la cronaca della vicenda dei presunti applati truccati e i nomi degli indagati.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet