Recupero Password
A pulire le spiagge pensano i volontari di 2hands non il Comune di Molfetta, mentre a Bisceglie ogni mattina pulizia regolare da parte dell'Asm Aumentano le concessioni ai lidi privati (ne sono nati 3 in più quest'anno) che praticano abbonamenti costosi, ma non si pensa ai cittadini
15 luglio 2018

MOLFETTA - Due interventi di pulizia presso la spiaggia Prima Cala, raccolti complessivamente 42 kg di rifiuti dall’associazione volontari 2hands che venerdì 13 luglio sono tornati alla pulizia della spiaggia Prima Cala, «non perché “secondo noi esiste solo la Prima Cala” – scrivono in un comunicato -, ma perché non siamo abituati a lasciare lavori in sospeso e anche perché durante questo intervento sono stati raccolti ulteriori 20 kg di rifiuti dalla spiaggia. Questi ultimi, sommati ai precedenti 22 kg del primo intervento, restituiscono un risultato di complessivi 42 kg. 

Insomma era un intervento che andava fatto!

Ciò che in questo momento urge all’associazione è affiancare agli interventi pratici un’attività di sensibilizzazione dei cittadini.

Ringraziamo l’ASM che ci ha appoggiato facendoci conferire i rifiuti in un loro furgone. A breve stileremo un calendario degli interventi futuri.

Infine il comitato promotore vorrebbe suggerire un nuovo comportamento da inserire nella routine di ciascun cittadino: ogni volta che andiamo a mare, raccogliamo i 3 rifiuti più vicini a noi».

Intanto prima di raccoglierli i rifiuti, sarebbe necessario non abbandonarli sulla spiaggia, come fanno tanti cittadini zozzoni di Molfetta. Poi, dovrebbe essere l’Asm a provvedere alla pulizia e non i volontari. Perché l’Asm non realizza un servizio quotidiano di prima mattina come avviene nelle città vicine? Non è capace di fare un servizio pubblico per il quale i cittadini pagano tasse salate? Cosa ne pensa il presidente Vito Paparella, seduto dietro una scrivania per grazia poltiica ricevuta? Da questa cose si misura la capcità di gestione, non dai comunicati stampa autoreferenziali.

Certo, a Molfetta, si preferiscono le spiagge private (e il Comune continua a consumare non solo suolo, ma anche litorale, come è avvenuto recentemente con 3 nuovi lidi sulla spiaggia, tutto per favorire privati che fanno pagare costosi abbonamenti), mentre la spiaggia pubblica si riduce sempre di più. Ma le spiagge vengono abbandonate a se stesse. Con i soldi che il Comune incassa dalle concessioni ai privati, potrebbe pulire le spiagge libere. Questo significa amministrare per la città non con le parole, ma con i fatti.

© Riproduzione riservata

 

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet